È una figura ancora poco conosciuta, ma che ha il compito di tutelare tutti i cittadini

Uno «spot» a favore del difensore civico

14/12/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
r.d.

È sta­to pre­sen­ta­to, nel cor­so dell’ultima riu­nione del Con­siglio comu­nale di Lona­to, il bilan­cio dell’attività del difen­sore civi­co dell’Amministrazione comu­nale rel­a­ti­vo al 1999 e ai pri­mi sei mesi del 2000. Il difen­sore civi­co è una figu­ra prob­a­bil­mente anco­ra poco conosci­u­ta dal­la cit­tad­i­nan­za, vis­to l’esiguo numero di richi­este di inter­ven­to: 19 l’anno scor­so ed altret­tante saran­no quelle che alla fine di questo mese di dicem­bre chi­ud­er­an­no il bilan­cio del 2000. Sec­on­do il difen­sore civi­co Euge­nio Vitel­lo, che a Lona­to rico­pre questo incar­i­co dall’inizio, cioè da quan­do il 30 giug­no del 1998 il locale Con­siglio comu­nale adot­tò per la pri­ma vol­ta il doc­u­men­to che ne dis­ci­plina norme e fun­zion­a­men­to, bisogna trovare nuove forme di «pro­mozione» per ques­ta figu­ra a tutela dei dirit­ti dei cit­ta­di­ni. Ci fac­cia un esem­pio, chiedi­amo a Euge­nio Vitel­lo? «Ad esem­pio — attac­ca il difen­sore civi­co di Lona­to — met­tere una pos­til­la, un comu­ni­ca­to su tut­ta la cor­rispon­den­za comu­nale. Il cit­tadi­no ver­rebbe così a sapere che oltre a pot­er usare i soli­ti stru­men­ti di dial­o­go con l’Amministrazione comu­nale, per pot­er vantare i pro­pri dirit­ti, può far ricor­so anche alla figu­ra del difen­sore civi­co». Insom­ma, una pub­blic­ità diret­ta da parte dei vari uffi­ci ammin­is­tra­tivi nel momen­to stes­so in cui ven­gono ero­gati i diver­si servizi. L’anno scor­so sul­la scriva­nia del difen­sore civi­co sono arrivare com­p­lessi­va­mente 19 richi­este di inter­ven­to così ripar­tite: 7 in mate­ria urban­is­ti­ca, 4 nei lavori pub­bli­ci, 1 nel set­tore igien­i­co san­i­tario, 2 nei servizi di pub­bli­ca ammin­is­trazione, 4 varie ed infine 1 con­cer­nente la . Il difen­sore civi­co ha anche avan­za­to nel cor­so del 1999 alcune pro­poste come l’affidamento ai pen­sion­ati lonate­si dei servizi di vig­i­lan­za dei bam­bi­ni delle scuole. La pre­dis­po­sizione del rego­la­men­to sull’installazione delle inseg­ne in cen­tro stori­co. Nes­sun segui­to è però sta­to dato alle proposte.