Valerio Betta espone al “Vintage Wine Gallery” di Brescia

16/11/2013 in Arte, Senza categoria
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Vale­rio Bet­ta pre­sen­ta una serie di nuovi lavori, che bene sin­te­tiz­za l’importanza del pig­men­to e del seg­no per questo eclet­ti­co artista. Le sue orig­i­nali fig­ure che paiono flut­tuare in uno spazio infini­to, avvol­gente, sep­pure ben iden­ti­fi­ca­bile: l’interno di un’abitazione, una piaz­za, un even­to par­ti­co­lare, come il suo notis­si­mo quadro ded­i­ca­to alla “Mille Miglia”: così si è recen­te­mente espres­so il criti­co d’arte Simone Fap­pan­ni in mer­i­to alla vena artis­ti­ca di Vale­rio Bet­ta.

Oltre alle sue numerose per­son­ali e mostre Vale­ria Bet­ta parte­ci­pa sin dal­la pri­ma edi­zione del con­cor­so di pit­tura, indet­to dal men­sile garde­sano GN che vedrà la prossi­ma edi­zione a  gen­naio 2014, dal 17 al 19,Fino al 6 dicem­bre 2013 in occa­sione del­la Fiera di Lona­to del Gar­da. Rema: Pesca e pesca­tori del lago di Gar­da”.

Vale­rio Bet­ta è nato a Noz­za di Vestone nel 1949 dove vive e lavo­ra.

Ha fre­quen­ta­to alcu­ni cor­si orga­niz­za­ti dall’A.A.B. di Bres­cia tenu­ti da O. Di Pra­ta e nel 1973, fre­quen­tan­do lo stu­dio del prof. G.Nino Ramor­i­no, famoso acquafortista, conosci­u­to anni pri­ma, ha appre­so la tec­ni­ca del­l’ac­quaforte.

Da questo incon­tro si sono aper­ti nuovi spazi per la sua sen­si­bil­ità artis­ti­ca.

E’ in attiv­ità dal 1970, con pre­sen­ze in numerose rasseg­ne nazion­ali e inter­nazion­ali. Alter­na mostre per­son­ali a man­i­fes­tazioni inter­nazion­ali: nel 1985 è invi­ta­to alla Bien­nale d ‘Arte “See­tal” a Zuri­go, nel 1988 alla Bien­nale di La Spezia e nel 1993 all’Italian Pavil­lion di Tokyo.

Mostre per­son­ali a Bres­cia, Gal­le­ria UCAI nel 1997 e nel 2003, alla set­ti­mana d’arte di Ceci­na nel 2005 e nel 2009 e pres­so Stu­dio Arte Dama, Museo Pic­co­lo Miglio, museo Mille miglia sem­pre nel 2009 e Palaz­zo Mar­ti­nen­go nel 2011.

Nel 2012 espone a Milano, Cir­co­lo Bertol Brech e Venezia, Fon­dazione Xante Battaglia. La sua attiv­ità è doc­u­men­ta­ta pres­so “L’archiv­io mono­grafi­co per l’Arte Ital­iana del 900” in Firen­ze, “Museo del­l’In­for­mazione” — Seni­gal­lia e “Civi­ca Rac­col­ta del dis­eg­no”- Salò.

E’ cita­to su numerosi dizionari d’arte: Dizionario dei Pit­tori Bres­ciani, Il Quadra­to 1981, Annuario Coman­duc­ci n°7, Dizionario Coman­duc­ci n°5, Cat­a­l­o­go Nazionale Bolaf­fi Arte Mod­er­na n°13, Elite — dizionario dei pit­tori ital­iani, Arte Oggi, Nove­cen­to e su siti di gal­lerie d’arte nazion­ali ed inter­nazion­ali.

Parole chiave: