Domenica 9 ottobre torna il tradizionale ’itinerario enogastronomico nelle cantine

Valtenesi, parte la vendemmia del Chiaretto, aspettando l’edizione 2016 di “Profumi di Mosto ”

21/09/2016 in Senza categoria
Di Redazione

Prende il via in Valtè­ne­si la delle uve Doc , Marzemi­no, Bar­bera e San­giovese des­ti­nate alla pro­duzione del , a cui seguirà la selezione delle uve per i rossi solo quan­do le mat­u­razioni rag­giunger­an­no un’alta inten­sità polifeni­ca.

Le pre­vi­sioni qual­i­ta­tive sono pos­i­tive, e con l’entrata a regime di nuovi vigneti ci si attende un aumen­to di ettari e volu­mi di uva DOC. L’annata si pre­an­nun­cia con quan­ti­ta­tivi di pro­duzione uva/ ettaro nel­la media degli ulti­mi 10 anni ma in leg­gero calo rispet­to al 2015, oltre che con dati analiti­ci delle uve molto buoni per i tenori acidi­ci e di pH. Impen­na­ta degli zuc­cheri, in queste due ultime set­ti­mane di cal­do sec­co tra fine agos­to e set­tem­bre. Nelle can­tine del­la denom­i­nazione si atten­dono cir­ca 52 mila quin­tali di uva per una pro­duzione com­p­lessi­va supe­ri­ore ai 4 mil­ioni di bot­tiglie a denom­i­nazione di orig­ine con­trol­la­ta.

Il rito del­la vendem­mia sul­la Riv­iera del Gar­da sarà come sem­pre cel­e­bra­to con la grande fes­ta di “Pro­fu­mi di Mosto”, l’ormai tradizionale itin­er­ario enogas­tro­nom­i­co in can­ti­na pre­vis­to per domeni­ca 9 otto­bre: giun­ta alla sua 15esima edi­zione, la man­i­fes­tazione vedrà quest’anno la parte­ci­pazione di ben 23 aziende agri­cole, sud­di­vise in tre sug­ges­tivi itin­er­ari dall’entroterra fino alle coste. Ogni can­ti­na pro­por­rà come sem­pre in degus­tazione i pro­pri vini abbinati a piat­ti e del­la tradizione bres­ciana. Il cos­to del car­net è fis­sato a 28 euro (com­prende 9 taglian­di di degus­tazione): info e preno­tazioni su www.profumidimosto.it.