Una manifestazione singolare che celebra uno sport «povero» ma ricco di medaglie. Con gli occhi già puntati alla Adige Marathon del 21 ottobre

Vento e canoe, nozze sul Baldo

29/07/2007 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
S.J.

I cam­pi­oni mon­di­ali del­la canoa «pagaier­an­no» sul Monte salu­tati, nel cielo, dalle acrobazie di decine di aquiloni. La grande fes­ta, orga­niz­za­ta dal­la Funi­via Mal­ce­sine — Monte Bal­do per ono­rare il veronese Vla­di Pana­to e il toscano Max­i­m­il­ian Benas­si, recen­ti vinci­tori del­la Cop­pa del Mon­do di disce­sa flu­viale, è in cal­en­dario domeni­ca 5 agos­to; e se per Pana­to si trat­ta di una gior­na­ta «nor­male» (il pluri­cam­pi­one di Pes­cant­i­na ha collezion­a­to ben 11 Coppe del Mon­do, 8 titoli mon­di­ali e 4 europei), per il ven­tunenne del­la Mari­na Mil­itare il Bal­do rap­p­re­sen­ta anche il lan­cio ver­so i Mon­di­ali di veloc­ità in pro­gram­ma a metà agos­to a Duis­burg, in Germania.A par­tire delle 11, alla stazione a monte del­la funi­via, si susseguirà (gra­zie al con­trib­u­to tec­ni­co del grup­po fotografi­co Lo Scat­to di Gar­da, che ogni estate por­ta nel­la stes­sa Gar­da e a Tor­ri i migliori fotografi, non solo ital­iani) una serie di fil­mati delle varie spe­cial­ità di canoa, girati in ver­ie par­ti del mondo.Immagini sug­ges­tive di uno sport poco alla rib­al­ta ma affasci­nante, come tut­ti quel­li in cui prevale il con­fron­to diret­to e leale con la natu­ra, fil­tra­to attra­ver­so la fat­i­ca e il sudore degli atleti.All’esterno, intan­to, di fronte alle nuove sale del­la funi­via e sui prati del­la Col­ma, voltegger­an­no decine di aquiloni mul­ti­col­ori e di varia for­ma di alcu­ni pres­ti­giosi grup­pi ital­iani, coor­di­nati dall’Anemos Kite Team di Verona, di Bruno Pegorini.Inoltre, esper­ti alle­sti­ran­no un lab­o­ra­to­rio ded­i­ca­to ai bam­bi­ni per inseg­nare loro a costru­ire e fare volare i pri­mi aquiloni. «Una gior­na­ta», spie­ga Giuseppe Ven­turi­ni, pres­i­dente del­la Funi­via che, tra l’altro, è part­ner dell’Adige Marathon Ter­rade­ifor­ti di Canoa e Kayak, in cal­en­dario il 21 otto­bre sull’Adige, dopo aver fat­to tap­pa in Ger­ma­nia e Repub­bli­ca Ceca, «che vuole ren­dere omag­gio a uno sport povero ma ric­co di medaglie; e a cam­pi­oni che han­no fat­to dell’umiltà e del sac­ri­fi­cio uno stile di vita e che ci ono­ri­amo di accom­pa­gnare nel­la loro attiv­ità ago­nis­ti­ca, che ha por­ta­to gran­di risul­tati all’Italia in cam­po internazionale».Aquiloni, canoe e cam­pi­oni: è ques­ta dunque la pri­ma man­i­fes­tazione di quel­lo che in realtà è un vero e pro­prio trit­ti­co del Bal­do, che vedrà anche esi­bir­si il 15 agos­to il Coro dell’Ente liri­co e prevede infine, il 2 set­tem­bre, un con­cer­to del­la Big Band Rit­mo-Sin­fon­i­ca Cit­tà di Verona.

Parole chiave: