Domenica alle 10 partenza dal golfo di Maderno. Poi a Salò, Isola Borghese e ritorno. Centrotrenta equipaggi all’ottava edizione della Gardalonga

Via alla stagione della voga

Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Domeni­ca si cor­rerà la VII Garda­lon­ga, man­i­fes­tazione sporti­va che apre la sta­gione sul­l’ac­qua. Parten­za alle ore 10 dal gol­fo di Mader­no. Le imbar­cazioni a remi (bisse, kayak, canoe a uno o a due, jole, sin­goli, mas­carette, persi­no i bar­coni del Po e i drag­on boat del Trenti­no) pun­ter­an­no sot­to cos­ta ver­so Salò. Qui è pre­vis­to il riforn­i­men­to d’ac­qua. Rag­giunte le Tavine, i con­cor­ren­ti pros­eguiran­no ver­so la Baia del Ven­to e i Grosti di Portese. Quin­di il perip­lo del­l’ e il ritorno a Mader­no. Lunghez­za del­la pro­va: 25 chilometri. In alter­na­ti­va c’è la pos­si­bil­ità, giun­ti a Salò, di tornare subito indi­etro, accor­cian­do il per­cor­so. Orga­niz­za la Remiera, che fa capo a Pao­lo Rosi­na e ai fratel­li Big­not­ti, Gian Pao­lo & Mau­r­izio. C’è il patrocinio di , Provin­cia di Bres­cia, Munici­pio, Par­co alto lago, , Con­sorzio Riv­iera dei Limoni, Lega Bisse. Uno spon­sor ha mes­so in palio una canoa, da estrarre a sorte tra i partecipanti.Alla Garda­lon­ga, orga­niz­za­ta sul­l’e­sem­pio del­la Voga­lon­ga di Venezia, dovreb­bero iscriver­si almeno 130 equipag­gi (più di 250 parte­ci­pan­ti) da Chiog­gia, Caor­le, Cavarzere, Pia­cen­za, , Pusiano, Man­to­va, Lodi, Cre­mona, Lec­co, ecc. Nutri­to il grup­po dei tedeschi, che abit­ual­mente fre­quen­tano il Chiem­see. Non man­cano gli svizzeri che, spes­so, fan­no una cap­ati­na in zona, richia­mati soprat­tut­to dal­la di Gargnano. Sta­vol­ta han­no chiesto infor­mazioni anche dal­la Fran­cia. Nel 2004 c’è sta­to il debut­to asso­lu­to di un drag­on boat di Tren­to, con una tam­bu­ri­na che scan­di­va il rit­mo. Quest’an­no potreb­bero arrivarne altri due o tre, nel qual caso lo spet­ta­co­lo aumenterebbe. La sper­an­za è che il tem­po regga.Nelle ultime edi­zioni ha preval­so l’ot­to del­la Canottieri.Per iscrizioni e infor­mazioni, tele­fonare ai numeri 0365–643787 (sig­no­ra Alessan­dra), 0365–71220 oppure 339–6323743. Sarà pos­si­bile seguire la gara su un moto­scafo tur­is­ti­co. La novità di quest’anno è la pre­sen­za, all’ inter­no del­la man­i­fes­tazione, del­la gara delle gon­do­le garde­sane, tap­pa del cam­pi­ona­to pri­maver­ile. Al ter­mine si svol­gerà uno spet­ta­co­lo musi­cale allesti­to in col­lab­o­razione con l’Associazione Lib­era­mente. Come con­torno si ten­gono anche un paio di incon­tri nell’aula magna delle Medie. Il pri­mo lo ha già svolto Gui­do Bon­vici­ni, che ha illus­tra­to la sua espe­rien­za «Dalle nuv­ole al mare e vicev­er­sa», viag­gio dalle mon­tagne all’Adriatico. Saba­to 12 mag­gio, nel­la stes­sa scuo­la, si par­lerà dell’attività sporti­va. Gli istrut­tori sono a dis­po­sizione per prove gra­tu­ite sulle barche del­la società.«La Remiera — ricor­da Pao­lo Rosi­na — è nata nel 1985, ded­i­can­dosi preva­len­te­mente alla voga vene­ta, e dis­putan­do subito il cam­pi­ona­to esti­vo delle bisse, con equipag­gi for­mati da quat­tro com­po­nen­ti, e, suc­ces­si­va­mente, quel­lo pri­maver­ile delle gon­do­le bena­cen­si, con due rema­tori. Nel gol­fo di Mader­no orga­nizzi­amo il Palio del­la Befana e quel­lo di . Abbi­amo parte­ci­pa­to a numerose man­i­fes­tazioni: sul fiume Arno a Firen­ze, sul Po, a Venezia, ecc. Nell’inverno 2000 si è pen­sato a un appun­ta­men­to di mag­giore impeg­no. Ecco quin­di la Garda­lon­ga, pro­gram­ma­ta per la sec­on­da domeni­ca di maggio».