Sì provinciale alla modifica del piano opere pubbliche

Via libera al grande parcheggio

02/06/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Non sus­siste più alcun osta­co­lo for­male alla real­iz­zazione del grande parcheg­gio sot­ter­ra­neo nel­l’area com­pre­sa tra viale delle Palme e via Mar­coni, dove fino a qualche anno fa c’er­a­no i campi da ten­nis. Ieri la Giun­ta provin­ciale ha infat­ti vota­to favorevol­mente per la mod­i­fi­ca del pro­gram­ma delle opere pub­bliche arcensi, lad­dove, appun­to, gli ammin­is­tra­tori locali pro­ponevano si soprassedere all’ipote­si del Foro Boario per far largo a quel­la del­l’ex ten­nis. Con­tes­tual­mente, la Giun­ta Del­lai ha ammes­so la pos­tic­i­pazione del ter­mine (dall’1 dicem­bre al 20 dicem­bre 2000) entro il quale l’am­min­is­trazione comu­nale avrebbe dovu­to con­fer­mare la pro­pria inten­zione ad inve­stire nel­la costruzione di un parcheg­gio urbano di gran­di dimen­sioni i cinque mil­iar­di des­ti­nati a strut­ture del genere.Il Comune dunque può ora pro­cedere con l’af­fi­da­men­to del­l’in­car­i­co di prog­et­tazione e, suc­ces­si­va­mente, con l’ap­pal­to delle opere. Facile a dirsi, un po’ meno a far­si, con­sid­er­a­ta la macchi­nosità delle pro­ce­dure buro­cratiche. Il parcheg­gio non sarà cer­ta­mente pron­to pri­ma di cinque anni, sem­pre che, nat­u­ral­mente, nel frat­tem­po non sorgano dif­fi­coltà, oppure — even­tu­al­ità da non esclud­ere — l’am­min­is­trazione di turno non cam­bi di nuo­vo idea.