Giovanni Rana insegnante per un giorno

Di Luca Delpozzo

Abbi­amo la for­tu­na di conoscere da molti anni, ma anco­ra nel­la ver­sione “inseg­nante” non lo ave­va­mo vis­to. L’oc­ca­sione però si è pre­sen­ta­ta nel­la scuo­la San­t’An­gela Meri­ci di Desen­zano del Gar­da per un’in­tu­izione del diret­tore Ivo Bel­lam­oli che, dopo aver ascolta­to alcu­ni alun­ni ha pen­sato di orga­niz­zare alcu­ni incon­tri con per­son­al­ità che si sono fat­ti stra­da nel­la vita. Lo spun­to è arriva­to da una frase det­ta da questi bam­bi­ni: “rigare drit­ti”, un modo di dire che sem­bra­va fuori modo, ma che invece sem­bra avere anco­ra un cer­to fas­ci­no. E pro­prio sul­l’idea di come man­tenere la ret­ta via si svilup­per­an­no questi incontri.

Il pri­mo pro­tag­o­nista è sta­to pro­prio Gio­van­ni Rana, che ha rac­con­ta­to agli alun­ni del­la scuo­la la sua espe­rien­za, da quan­do, bam­bi­no, lavo­ra­va nel­la bot­te­ga di famiglia fino a diventare il “Re del tortellino”.