Tinca ed agone del lago di Garda, grazie ad un decreto della Provincia di Brescia, l’uno del 22 maggio scorso, l’altro del 25 maggio, sono sottoposti ad un nuovo regime.

Vietato pescare

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
pumi

Tin­ca ed agone del , gra­zie ad un decre­to del­la Provin­cia di Bres­cia, l’uno del 22 mag­gio scor­so, l’altro del 25 mag­gio, sono sot­to­posti ad un nuo­vo regime. Tali norme sono già con­tenute nel Nuo­vo rego­la­men­to uni­co del­la pesca nel , già in vig­ore sul­la spon­da veronese, ma non anco­ra in vig­ore nelle acque del­la spon­da bres­ciana in atte­sa del varo uffi­ciale che avver­rà dopo l’approvazione al prossi­mo Con­siglio provin­ciale. Dopo il decre­to del mese scor­so di divi­eto di pesca del luc­cio ecco ora quel­li che riguardano la pesca dell’agone o sar­da di lago, ovvero Alosa fal­lax bena­cen­sis (pesce e pesca molto atte­si dai pesca­tori sia dilet­tan­ti, sia pro­fes­sion­isti) e, per la pri­ma vol­ta a nos­tra memo­ria sul Gar­da bres­ciano, la pesca del­la tin­ca. Vedi­amo nei par­ti­co­lari. Per quan­to riguar­da la pesca all’agone vi saran­no peri­o­di di divi­eto totale e peri­o­di di divi­eto parziale. I peri­o­di di divi­eto totale di pesca per tut­ti i pesca­tori sia dilet­tan­ti, sia pro­fes­sion­isti van­no dalle ore 12 del 5 giun­go alle ore 12 del 10 giun­go e dalle 12 del 1 luglio alle ore 12 del 6 luglio. In tale peri­o­do saran­no anche vietati il trasporto, la deten­zione, la com­praven­di­ta e lo smer­cio dell’agone nei pub­bli­ci eser­cizi. Vi sarà invece per tut­to il peri­o­do di ripro­duzione dell’agone dal 1 giun­go al 31 luglio la pos­si­bil­ità di una pesca a… pet­tine. Quan­do cioè saran­no legit­ti­mati a pescare i pro­fes­sion­isti non vi potran­no andare i dilet­tan­ti e vicev­er­sa. È sta­to cioè deciso (a parte il fer­mo bio­logi­co nelle date già dette) che i dilet­tan­ti nel cor­so del­la set­ti­mana non (atten­zione «non») potran­no pescare l’agone dalle ore 12 del lunedì sino alle ore 12 del mart­edì e dalle ore 12 del mer­coledì sino alle ore 12 del giovedì. I pro­fes­sion­isti non potran­no pescare dalle ore 12 del mart­edì alle 12 del mer­coledì, dalle 12 del saba­to alle 12 del­la domeni­ca. Le reti da pesca, nei giorni con­sen­ti­ti (dalle 12 del giovedì alle 12 del saba­to e dalle 12 del­la domeni­ca alle 12 del lunedì) potran­no essere posate due ore pri­ma del tra­mon­to e sal­pate entro le ore 9 del giorno suc­ces­si­vo. Per quan­to riguar­da la tin­ca: non potrà essere pesca­ta dal 5 al 25 giug­no e la misura min­i­ma con­sen­ti­ta è fis­sa­ta a 25 cm.

Parole chiave: