Per appioppare multe a destra e manca non serviva importare manodopera

Vigili estivi: «Sindaco, rimpatria i forestieri in tutta fretta»

29/08/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Tem­po addi­etro sono venu­ti a Riva, per rin­forzare nei mesi estivi lo strim­inz­i­to organ­i­co dei nos­tri, due vig­ili urbani da qualche cit­tà, «da Terni, da Rieti o da Treni». L’au­tore del­la let­tera aper­ta ai «Caris­si­mi vig­ili urbani fis­si strafis­si, sta­gion­ali e facen­ti fun­zione», man­da­ta per conoscen­za anche al «sior sin­da­co» ed alla redazione, ha ben vis­to all’­opera questi due forestieri in divisa. «En spi­a­gia i core­va de chi e de lì, per bron­to­larghe a tuti: «no lì col balòm»…«la bici sul cavalet»…«zo la can­otiera da la pianta»… i g’ha perfin dit a ‘na putela de tirar via el suga­man da la bancheta per­chè l’era «appro­pri­azione indeb­i­ta di cosa pub­bli­ca»… a doi che zughe­va a le carte i g’ha con­trolà i pon­ti e se i scarte­va giust. M’è bem parest che i fese en po’ mas­sa, anca se dopo tut i ha serà n’o­cio su de una ves­tia sol con de na riga sul dedrio». Il nos­tro rivano, arriva­ta l’o­ra di tornare a casa, si riavvia al motori­no «tiro fora el cas­co dal baulet e me scapa i oci su’n scon­trim tacà via a la manopo­la». Lì per lì s’è ral­le­gra­to per la gen­tilez­za, pen­san­do si trat­tasse di un pez­zo di car­ta cadu­to­gli di tas­ca e pre­murosa­mente recu­per­a­to da qualche pas­sante. Al momen­to di lib­er­arsene come di cosa sovrana­mente inutile, s’è accor­to che era opera dei due sul­lo­dati vig­ili. «Gh’è scrit che el me motorim «intral­ci­a­va la manovra dei veicoli in sos­ta e non veni­va rimosso forzata­mente per man­can­za dei mezzi nec­es­sari». Ades me doman­do da rivam, ma ser­vi­va far veg­nir zent da fora per dar le multe? Ari­vai a ‘sti pasi, rimpianzo la Bar­ilota che la ne core­va drio nel canal de la Roca dove scon­de­vem i vesti­ti per far el bag­no o el Bion­do che quan­do el zughe­va ne la Bena­cense e el cia­pe­va ‘na scarpa­da erem tuti con­tenti, o el Mar­co che coi boci de le scole (che l’è anca i nos­si) ed s’è ‘n atimin calmà». Molto meglio, con­clude il nos­tro, las­ciar stare ai loro pae­si questi acquisti estivi ed arran­gia­r­si coi nos­tri, che si trovano estate e inver­no sul­la strade, che si sono creati nei mesi e negli anni un cer­to tipo di rap­por­to, che soprat­tut­to «cas­tron­ae» di quelle dimen­sioni, fino a pro­va con­traria, han­no acquis­ta­to abbas­tan­za buon sen­so per evitarle.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti