Il parco è separato dal palazzo

Villa Sigurtà: curiostà

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(a.f.)

Il par­co Sig­urtà nacque quan­do Giuseppe Car­lo Sig­urtà, indus­tri­ale far­ma­ceu­ti­co, arrivò a Valeg­gio per com­prare un calesse e, col­pi­to dall’antico gia­rdi­no dei Maf­fei, decise di trasfor­mar­lo, cre­an­do uno dei parchi-gia­rdi­no più bel­li a liv­el­lo inter­nazionale. Ciò gli fu pos­si­bile uti­liz­zan­do un’antica servitù che gli per­mise di pescare l’acqua dal Min­cio. Il par­co Sig­urtà, aper­to al pub­bli­co nel 1978, fu sep­a­ra­to dal­la vil­la dopo la morte di Giuseppe Car­lo Sig­urtà e da allo­ra è un’entità a sé stante. Nel tem­po è divenu­to meta di centi­na­ia di migli­a­ia di per­sone (cir­ca 250mila all’anno che lo col­lo­cano, per movi­men­to di per­sone, subito dopo ).

Parole chiave: