Premiazioni del concorso enologico regionale

Vini biologici, il meglio è qui

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Pietro Gorlani

E’ bres­ciano il che ha tri­onfa­to al Sec­on­do con­cor­so dei «Vini bio­logi­ci ottenu­to da uve di agri­coltura bio­log­i­ca del­la Lom­bar­dia», orga­niz­za­to e pro­mosso dall’associazione «». Ven­erdì scor­so, nel­la sala con­sil­iare del comune di Polpe­nazze, il «Bot­ti­ci­no Doc 2003» del­la Tenu­ta Galati­na di Valenti­no Musat­ti, è sta­to insigni­to del­la qual­i­fi­ca di «otti­mo», otte­nen­do il miglior pun­teg­gio asso­lu­to tra le qual­ità parte­ci­pan­ti. Pun­teg­gio asseg­na­to non solo per le pro­pri­età organolet­tiche, ma anche in base alla salubrità del prodot­to, ottenu­to da uve bio­logiche, non trat­tate con alcu­na sostan­za chim­i­ca. Gli altri vini bio­logi­ci lom­bar­di pre­miati sono sta­ti il «Ries­ling Oltrepò Pavese doc 2003» del­la Fat­to­ria Cabanon di Godi­as­co (Pavia); il «Gar­da Mer­lot 2003 doc Le Costere» del­la can­ti­na Col­li Moreni­ci Alto Man­to­vano di Pon­ti sul Min­cio (Man­to­va) e l’ «Infer­no Rosso Oltrepò Pavese doc Ris­er­va 2000» del­la Fat­to­ria Cabanon di Godi­as­co. I vini qual­i­fi­cati saran­no pre­miati uffi­cial­mente nel­la mat­ti­na di domeni­ca 8 agos­to nel­l’am­bito del­la ses­ta edi­zione del­la man­i­fes­tazione «Fes­ta in Castel­lo in una sera di mez­za estate». In tale occa­sione le bot­tiglie vincitri­ci saran­no messe a dis­po­sizione del pub­bli­co per un assaggio.

Parole chiave: -