Si va alla scoperta dei capolavori unici nati nel medioevo

Visita a San Severo

21/08/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Nel con­testo del prog­et­to cul­tur­ale Gar­da Roman­i­co, a par­tire dalle 18 ci sarà una visi­ta gui­da­ta alla chiesa di San Severo segui­ta dal­la degus­tazione di vini garde­sani. Nei sec­oli cen­trali del Medio­e­vo il è sta­to una grande via d’acqua, cir­con­da­ta da mon­ti, cam­pagne e dall’anfiteatro moreni­co merid­ionale, che han­no iso­la­to il suo ter­ri­to­rio rispet­to alle cit­tà. Anom­alia nel con­testo padano, ha svilup­pa­to — come viene mes­so in risalto nel vol­ume «Gar­da roman­i­co; Pievi, isti­tuzioni, ter­ri­to­rio» di Rena­ta Sal­varani con fotografie di Basilio e Mat­teo Rodel­la — un tes­su­to di inse­di­a­men­ti forte­mente carat­ter­iz­za­to dall’interdipendenza di pic­coli nuclei, spar­si su aree anche vaste con poli di più forte aggregazione. Di tut­ta ques­ta orga­niz­zazione del ter­ri­to­rio, oggi riman­gono oltre cen­to chiese. Gli edi­fi­ci, spes­so cap­ola­vori di un roman­i­co rurale innes­ta­to di influen­ze comacine, venete e padane, era­no pun­ti di rifer­i­men­to per le comu­nità locali. La chiesa di è uno dei più inter­es­san­ti e com­p­lessi esem­pi di architet­tura roman­i­ca di area garde­sana. Nel con­testo del prog­et­to sono pre­viste vis­ite alla chiesa di San Nicolò a Lazise saba­to prossi­mo e alla chiesa di San Zeno di Castel­let­to di Bren­zone saba­to 4 settembre.

Parole chiave: