Dopo il brutto ricordo di Ron, l’Amministrazione punta tutto sul celebre duo campano di Palinuro

Voltiamo pagina, ci sono i Fichi d’India

17/08/2000 in Spettacoli
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
g.m.

Anche sul si pos­sono trovare i «Fichi d’India». Non sti­amo par­lan­do, nat­u­ral­mente, delle piante grasse scop­erte da Cristo­foro Colom­bo, ma del noto duo comi­co, attual­mente tra i più richi­esti in Italia. E così domani, alle ore 21 al par­co del Castel­lo scaligero, è sta­ta orga­niz­za­ta dall’Amministrazione comu­nale in col­lab­o­razione con l’assessorato provin­ciale al tur­is­mo, una ser­a­ta di cabaret con la cop­pia che, assieme alla bel­lis­si­ma soubrette Alessia Mar­cuzzi, ave­va pre­sen­ta­to «San­re­mo notte» nel feb­braio scor­so. Il famoso duo, nato nel 1989 a Pal­in­uro su una spi­ag­gia cir­con­da­ta appun­to da fichi d’India, è com­pos­to da Bruno Are­na e Mas­si­m­il­iano Cav­al­lari. In questi anni, moltissime sono state le parte­ci­pazioni dei comi­ci a pro­gram­mi teatrali o tele­vi­sivi di rilie­vo come «Yogurt» di Italia Uno, quat­tro anni a Radio Dee­jay, la parte­ci­pazione a «La sai l’ultima» di Canale 5, per appro­dare infine al famo­sis­si­mo «Zelig, fac­ciamo Cabaret» di Clau­dio Bisio. Per l’occasione, è sta­ta anche rin­vi­a­ta la ser­a­ta dell’appuntamento musi­cale «Tor­ri incon­tra…», per dare la prece­den­za a quel­lo che, almeno nelle inten­zioni dei ver­ti­ci munic­i­pali, dovrebbe essere «un even­to o, quan­tomeno, una ser­a­ta assai diver­tente per tut­ti». Dopo il brut­to ricor­do di fine luglio, rel­a­ti­va­mente alle polemiche sca­tu­rite dall’arrivo di Ron in paese e dal­la man­ca­ta con­seg­na delle chi­avi del paese per un’intemperanza del­lo stes­so can­tau­tore, «ora cercher­e­mo di rifar­ci con questo impor­tante appun­ta­men­to», ha spie­ga­to il vicesin­da­co ed orga­niz­za­tore delle man­i­fes­tazioni estive Gior­gio Bonol­di, anco­ra «scot­ta­to» per come era fini­to il più impor­tante appun­ta­men­to musi­cale dell’intera sta­gione tur­is­ti­ca. «Abbi­amo cer­ca­to di pren­dere al volo quest’occasione, dato che la notizia del­la disponi­bil­ità dei Fichi d’India è sca­turi­a­ta a segui­to di un for­fait a Lazise. Ques­ta per­ciò dovrebbe essere un’anteprima asso­lu­ta di questi comi­ci sulle sponde lacus­tri». I posti disponi­bili al par­co del castel­lo scaligero dovreb­bero essere, sec­on­do le stime munic­i­pali, un migli­aio in tut­to, di cui cir­ca 650 a sedere ed il resto in pie­di. E difat­ti, diver­si­fi­ca­to sarà pure il cos­to del­la ser­a­ta: 20 mila lire costerà il bigli­et­to per il pos­to in pie­di e 30 mila per quel­lo a sedere.

Parole chiave:

Commenti

commenti