Successo dell’iniziativa messa in cantiere dagli «Amici di S.Bernardo». Il ricavato per i ragazzi disabili. Bagno di folla, in gara anche Gianna Nannini, Loredana Bertè e Renato Zero

Zucchero batte Vasco, ma sono sosia

23/08/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Maner­ba si è popo­la­ta dei mag­giori can­tan­ti ital­iani gra­zie alla pri­ma edi­zione del Fes­ti­val canoro dei sosia, che si è svolto all’interno del­la tradizionale Sagra di San Bernar­do. Un numero­sis­si­mo pub­bli­co, che ha gremi­to la piaz­za cen­trale di Mon­tinelle, ha assis­ti­to, parte­ci­pan­do anche atti­va­mente con can­ti e bal­li come in ogni con­cer­to che si rispet­ti, alle esi­bizioni dei sette sosia prove­ni­en­ti da diverse cit­tà del nord Italia.E così si sono avvi­cen­dati sul pal­co il tenore Andrea Bocel­li, la melod­i­ca Spagna, la grin­tosa Gian­na Nan­ni­ni, lo spumeg­giante Zuc­chero, il sem­pre­verde Rena­to Zero, la biz­zosa Loredana Bertè e Vas­co Rossi, ama­to da gran­di e pic­ci­ni che can­ta­vano a squar­ci­ago­la le sue can­zoni. Alla fine la pri­ma edi­zione del con­cor­so canoro dei sosia, che dato il suc­ces­so di quest’anno sicu­ra­mente avrà un segui­to, è anda­to a Zuc­chero, alias Sil­vano, un 31enne vicenti­no amante del­la musi­ca, con un tim­bro vocale sim­i­le a quel­lo del can­tante mod­e­nese che ha fat­to sì che da 4 anni a ques­ta parte si cimen­ti in un grup­po — trib­u­to a Zuc­chero. Ha avu­to anche la pos­si­bil­ità di esi­bir­si con «Sug­ar» durante un raduno dei Fans Club. Sec­on­do clas­si­fi­ca­to Vas­co Rossi, men­tre al ter­zo pos­to si è piaz­za­ta Loredana Bertè. Ma una vol­ta con­clusasi la gara cano­ra è inizia­ta la cac­cia agli auto­grafi e foto ricor­do di tut­ti i can­tan­ti pre­sen­ti. Un plau­so a Fran­ca Cer­veni di Events Plan­et, che ha con­dot­to la ser­a­ta in maniera impeccabile.La man­i­fes­tazione ha con­clu­so la Sagra di San Bernar­do, orga­niz­za­ta per il 18esimo anno con­sec­u­ti­vo dall’omonimo grup­po manerbese, pre­siedu­to da Vit­to­rio Turi­na, che si è dato da fare in una tre giorni allesti­ta con l’aiuto del Grup­po locale, oltre all’appoggio dell’amministrazione comu­nale e del­la Pro Loco . «Per l’ottima rius­ci­ta del­la fes­ta — spie­gano gli orga­niz­za­tori — va un ringrazi­a­men­to a tut­ti i com­po­nen­ti del grup­po: Aldo, Sil­vio, Gian­ni, Bruno, Anto­nio, Poli, Ange­lo, Simone, Vit­tori­no, Mari­no, Mario, Gian­pietro; un grosso ringrazi­a­men­to a Rudi Van der Werff, che cura l’organizzazione logis­ti­ca oltre che le riprese, che tre anni fa è sta­to insigni­to del­la cit­tad­i­nan­za ono­raria di Maner­ba per l’attaccamento e l’impegno nel­la pro­mozione del paese garde­sano; uno squisi­to gra­zie a Pepino, spe­cial­ista nel­la cot­tura dell’ormai inim­itabile spiedo con polenta».Anche quest’anno il rica­va­to del­la sagra andrà in benef­i­cen­za all’istituto per spas­ti­ci e miodis­trofi­ci Niko­la­jewka di Brescia.

Parole chiave: