Home Brevi “Tracce Di Azzurro”: Marina Casari esplora l’arte attraverso l’acqua e il colore

“Tracce Di Azzurro”: Marina Casari esplora l’arte attraverso l’acqua e il colore

La Passione per l’Arte di Marina Casari

Marina Casari, artista visiva di Lonato del Garda, ha dedicato la sua vita all’esplorazione delle più svariate tecniche artistiche. Il suo percorso inizia con uno studio approfondito, che si trasforma presto in una passione alimentata dalla curiosità. La sua esperienza artistica si arricchisce grazie alla collaborazione con altri artisti presso l’Istituto d’Arte e l’Accademia di Brera.

Casari esprime un particolare interesse per la magia bidimensionale del disegno, dell’incisione e del colore. Tuttavia, non trascura i materiali tridimensionali come la cartapesta, la terracotta e il vetro. Dal 2018 è membro dell’Artide Associazione Artisti Desenzanesi e negli ultimi anni ha prediletto la pittura ad olio. L’elemento dominante nelle sue opere è l’acqua, sia per i suoi colori che per il suo valore simbolico.

Mostra “Tracce Di Azzurro”

A partire da venerdì 8 marzo sarà possibile visitare la mostra “Tracce Di Azzurro” presso la Sala degli Specchi della Biblioteca comunale di Lonato del Garda. Le opere di Marina Casari saranno esposte fino a domenica 17 marzo 2024.

Il tema principale della mostra è l'”Azzurro”, interpretato dall’artista come un gioco di riflessi capace di assorbire tutte le tonalità dell’acqua per restituire colore e spessore alla trasparenza. Il blu si mescola con i verdi di un paesaggio incontaminato, è attraversato da scie di giallo luce e diventa assoluto nel misticismo indaco di una visione di cielo e acqua.

Il Lago di Garda nelle Opere dell’Artista

Il Lago di Garda rappresentato nelle opere di Marina Casari è un luogo sospeso nel tempo, privo della modernità che lo caratterizza oggi. Non ci sono edifici moderni sulle sue rive, solo quelli storici del Porto Vecchio di Desenzano. Le spiagge non sono affollate da turisti, ma popolate solo da bagnanti usciti da un passato non troppo lontano. Il lago ritratto dall’artista è un frammento di memoria reinventata, una traccia della bellezza possibile nonostante il tempo, da contemplare, custodire e amare.
Qui potete approfondire la notizia.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version