Home Attualità Cisano riconquista il suo attracco. I battelli mancavano da 30 anni

Cisano riconquista il suo attracco. I battelli mancavano da 30 anni

Dopo 30 anni i battelli della Navigarda torneranno ad attraccare al molo di Cisano. Una grande novità per la frazione di Bardolino, che così potrà tornare ad usufruire di un servizio vitale per cittadini e turisti. Un servizio che l’amministrazione comunale considerava di rilevanza strategica, tanto da aver attivato gli organismi competenti per raggiungere l’obiettivo. È così che il Genio Civile ha inserito nel calendario dei lavori di manutenzione dei porti del lago di Garda di quest’anno anche l’intervento di ripristino del molo di Cisano.Da qualche giorno sono finiti infatti i lavori di rimessa a nuovo dell’attracco: sono stati rimossi i pali vecchi di decenni e non più necessari alle operazioni di attracco e sono stati posizionati otto nuovi pali. È stata anche cambiata la trave di bordo che collegava i due pali di testa e sono state posizionate ai lati due nuove bricole, cioè due nuclei di tre pali che regolano le manovre dei battelli. Lavori concordati dall’amministrazione comunale con il Genio Civile e la Navigarda, come attesta la lettera di comunicazione spedita ieri dal Comune alla Gestione governativa laghi, all’Ispettorato di Porto e al Genio Civile, nella quale viene ribadita la necessità della riattivazione della fermata dei battelli a Cisano. La lettera dice: «Si ribadisce quanto concordato nella riunione del 2 agosto nella sede del comune di Bardolino, in merito all’opportunità di ripristinare lo scalo. A tale proposito si informa che il Genio Civile ha già provveduto a realizzare le opere che consentono la riapertura e pertanto la direzione della Navigarda è pregata di porre in essere quanto necessario per l’attivazione del servizio, a partire dal prossimo esercizio, che questa amministrazione considera di notevole importanza».Dalla Navigarda la risposta è affermativa, il direttore Marcello Coppola spiega: «Aspettiamo la comunicazione ufficiale di ripristino del molo. Se lo scalo sarà agibile, siamo disponibili alla riapertura dell’attracco. Non abbiamo ancora studiato la formula del servizio, vedremo in che forma, se facoltativa, fissa o a chiamata. Dobbiamo valutare quali corse eventualmente attivare, se quella circolare del percorso basso lago o altre. Certamente quando avremo studiato il piano delle corse, verranno stabiliti gli orari delle fermate e una volta stampati saranno quelli definitivi».Un risultato accolto dai cittadini di Cisano con grande entusiasmo, anche perché erano anni che sollecitavano la riapertura del servizio, giacchè consideravano la sopressione della fermata come una penalizzazione della frazione nell’offerta turistica. rCon il capitolo di finanziamento regionale sui lavori di manutenzione ai porti, come spiega il vicesindaco Adelino Avanzini, oltre al ripristino del molo di Cisano, il Genio Civile ha eseguito anche un altro importante intervento al porto di Bardolino. È stato creato con l’infissione di tre pali, all’interno del molo foraneo, sul lato punta Mirabello, l’attracco per l’imbarcazione di 14 metri che a breve sarà data in dotazione al distaccamento di Bardolino dei vigili del fuoco. Per creare l’attracco adatto all’imbarcazione di soccorso si è reso necessario lo spostamento dell’ormeggio delle barche che sono attraccate in quel punto, così sono stati posizionati quattro pali nella postazione opposta, a ridosso della banchina a terra, per creare l’ormeggio delle barche che saranno spostate. Sono stati poi anche sostituiti i pali di segnalazione delle due bocche di porto, dunque anche il porto del capoluogo è stato ammodernato per accogliere l’imbarcazione dei vigili del fuoco, che potranno così intervenire via acqua nelle situazioni di emergenza.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version