Home Attualità Quei bravi ragazzi. La comunità di Manerba premia i suoi studenti

Quei bravi ragazzi. La comunità di Manerba premia i suoi studenti

 C’era una buona rappresentanza della comunità manerbese ad applaudire i vincitori delle Borse di Studio comunali e del Premio Valtenesino d’Oro, in occasione del tradizionale concerto di Santo Stefano offerto dal corpo bandistico cittadino “G. Avanzi”. Le borse di studio comunali sono state assegnate a Alessia Azzopardo, che ha terminato la Scuola secondaria di primo grado con la votazione di 10/10, a Fabio Bertini e a Fulvio Rizzardini, promossi alla II classe rispettivamente del Liceo Fermi e dell’I.T.I. Cerebotani con medie poco distanti dal 9. Tra i frequentanti delle III classi, sono stati premiati Maria Mattiotti, Silvia Bresciani e Luca Bocchio, con i colori rispettivamente del Liceo Bagatta, dell’I.T.C. Bazoli e dell’I.T.I. Cerebotani e medie che spaziano dall’8 al 9. Pieni voti anche tra i promossi alle classi V, dove si sono distinti Alessandro Bertini dell’I.T.I. Cerebotani, Giulio Bocchio dell’I.T.C. Battisti e Francesco Mattiotti del Liceo Bagatta. Votazione di 100/100 per Riccardo Ricchini, diplomatosi Tecnico Ragioniere all’I.T.C. Bazoli. Il mitico “110 e lode” è stato conseguito a Padova da Isabella Meneghel, con laurea specialistica in Psicologia Sociale, del Lavoro e della Comunicazione. Michela De Munari si è laureata a Venezia in Architettura con votazione di 110/110 e Lucia Monaco a Milano in Scienze dei Beni Culturali con 104/110. Il sindaco avv. Paolo Simoni ha consegnato la medaglia celebrativa ai ragazzi segnalati dalla Direzione didattica della Scuola secondaria di primo grado di Manerba per il Premio Valtenesino d’Oro: Cristina Corazzina (2 B), Carolina Leali (3 C) e Daniele Gasparini (3 B) si sono distinti non solo per il profitto scolastico ma anche per l’opera di solidarietà e di volontariato prestata nei gruppi giovanili e nella realtà parrocchiale. Alla ripresa delle lezioni, sabato 23 gennaio, si sono svolte le premiazioni per il concorso d’idee “Arrotondiamo”, rivolto agli studenti che si sono cimentati nella riprogettazione delle rotatorie d’ingresso alla cittadina manerbese. I colori vivaci e la fantasia gioiosa dei bambini della Scuola d’Infanzia “don Angelo Merici” hanno fatto a gara con le opere elaborate dai ragazzi della Scuola primaria “don Michele Simoni”, tra cui si sono distinte le classi III A, III B, V A e V B che hanno esaltato “i tesori” di Manerba, il lago, gli ulivi, la Rocca, il Parco naturalistico. Gli studenti della Scuola secondaria di primo grado “28 maggio 1974” hanno trovato ispirazione nel genio contemporaneo di Jeff Koons e di Niki de Saint Phalle. La Menzione speciale è stata assegnata alle opere di Sira Pastori e Chiara Leali (II B) e di Andrea Montagni (II C). Vincitrice del concorso è risultata l’opera di Paolo Santini (III A), una suggestiva piramide in vetro-resina da illuminarsi internamente per dare forma a immagini stilizzate del territorio manerbese. Un’opera degna di un “archi-star”. 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version