Home Manifestazioni Avvenimenti Scoperto il mistero, la chiesa è dei Brenzoni-Stella

Scoperto il mistero, la chiesa è dei Brenzoni-Stella

Apparteneva alla famiglia Brenzoni, ramo collaterale degli Stella, la chiesa che si trova a Biaza, una frazione sopra il paese di Castelletto di Brenzone. Un sospetto che gli storiografi locali avevano già ma che ha ricevuto conferma da poco. Nella chiesa sono iniziati una serie di lavori per la rimessa a nuovo degli affreschi interni e il consolidamento della struttura muraria. La conferma della proprietà della chiesa è data dalla presenza dello stemma gentilizio della famiglia. «La famiglia Brenzoni del Leone, cioé il ramo principale, ha uno stemma con un leone rampante e bande diagonali oro e rosso, i colori che la caratterizzano. Ed è quello che è diventato anche lo stemma del Comune», dice Signorini, il restauratore incaricato dei lavori. «Nella chiesa ce n’è un altro che mantiene gli stessi colori della famiglia, oro e rosso, ma cambia in alcuni aspetti. Le bande diagonali diventano strisce orizzontali, sparisce il leone che viene sostituito appunto con tre stelle». Della presenza della famiglia Brenzoni nel Comune omonimo si era a conoscenza mentre vaghe, erano, le notizie su quella del ramo Stella. «I saggi effettuati sull’unica parete dipinta hanno evidenziato la presenza di due distinti strati di affreschi», continua Erminio Signorini. «Uno è del ’300, gli altri dallo stile sembravano risalire al periodo tra la fine del ’400 e l’inizio del ’500». E proprio questi ultimi ritraggono alcuni personaggi inginocchiati davanti a una Madonna. Ai piedi di ognuno di essi sono indicati il nome di battesimo e il patronimico, cioé quello del padre. Spicca un messere Polo fu Delaldo circondato da membri della famiglia. «Non conoscevo lo stemma e i nomi dei personaggi mi hanno incuriosito, così ho cercato di rintracciare chi fossero. Mi interessava soprattutto poter datare con esattezza il dipinto che, dallo stile della pittura, dai vestiti e dallo sfondo, si poteva pensare fosse del ’500». Nella biblioteca di Verona ci sono appositi volumi che riportano stemmi e genealogie delle principali famiglie veronesi. Una ricerca d’archivio ha permesso di stabilire che i personaggi ritratti sono alcuni membri del ramo Stella, Paolo con la moglie Lorenza, i figli e alcuni nipoti, vissuti a cavallo tra il ’400 e il ’500. Nella chiesa inoltre c’è una tomba e alcune stuccature fanno ipotizzare la presenza di un sarcofago infisso nella parete. L’edificio, più che altro una cappella del borgo e non una vera e propria chiesa parrocchiale, potrebbe anche quindi essere stata la tomba di famiglia di alcuni esponenti dei Brenzoni Stella.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version