giovedì, Aprile 25, 2024
HomeAttualitàAeroporto in «rosso». Il decollo con i cargo
Bilancio2003 negativo per 5,1 mln. Per il settore merci previsti investimenti per 7 milioni di euro

Aeroporto in «rosso». Il decollo con i cargo

L’Aeroporto D’Annunzio perde 5 milioni di euro ma, a giudizio degli stessi amministratori, le prospettive sono buone. Si è svolta ieri pomeriggio alle ore 18 nella sede dello scalo bresciano, l’annuale assemblea dei soci della Gabriele D’Annunzio Spa. All’ordine del giorno l’approvazione del bilancio di esercizio 2003 che, seppur negativo – si è chiuso con una perdita di 5.117.418 euro -, «può considerarsi in linea con le attese e con quanto previsto dal piano pluriennale aziendale, ove si consideri che l’anno 2003 è stato solo il quinto anno di attività dell’aeroporto Gabriele D’Annunzio» commenta il presidente Ugo Gussalli Beretta. Lo stato patrimoniale al 31 dicembre assomma a quasi 22 milioni di euro e sono stati complessivamente 272.509 i passeggeri dello scorso anni contro i 307.598 dell’anno precedente, in flessione del 11,4%. Da segnalare rispetto al 2002 l’incremento del 4,33% dei voli (»28,71% sul 2001) e l’aumento dei passeggeri sulle tratte nazionali soprattutto di linea (»33,23%) e sui charter internazionali (»30,19%). La contrazione è da attribuire essenzialmente alla cancellazione di un volo giornaliero di Ryanair per i primi 4 mesi dell’anno, e dalla profonda crisi di Gandalf nella seconda metà del 2003, (sfociata nel fallimento nel febbraio 2004), senza contare la crisi generale di tutto il comparto aereo nazionale ed internazionale, e il più generale fenomeno della recessione economica in atto. «Restano comunque immutati gli obiettivi di medio e lungo periodo che prevedono lo sviluppo dell’aeroporto di Brescia Montichiari in un’ottica di una propria autonoma missione nei settori dei voli charter, low cost e in particolare del traffico merci – continua il Cavalier Beretta – Le premesse per la stagione estiva sono ottime e supportate da un nutrito programma voli che prevede tra il resto, un incremento del 20% dei voli charter e il definitivo decollo dell’attività merci». Già nei primi tre mesi del 2004, sono stati movimentati 410.786 kg di merce, confermando il cargo come nuovo punto di forza dello scalo. Proprio il settore cargo, su cui la D’Annunzio ha un progetto di investimenti del valore complessivo di circa 7 milioni di euro, è quello che offre le maggiori opportunità di crescita nel breve termine. Da qui la recente decisione di costituire una piattaforma logistica completa in grado di integrare i sistemi di trasporto aereo, navale, ferroviario e stradale. «Con questa iniziativa l’Aeroporto di Brescia Montichiari mira a diventare uno dei più importanti scali commerciali cargo del Sud-Europa» aggiunge con soddisfazione il presidente del D’Annunzio. Nel corso del 2003 l’aeroporto di Brescia Montichiari è stato oggetto di diversi interventi infrastrutturali. L’intervento più importante intrapreso nel 2003 è stato l’avvio dei lavori per la realizzazione del nuovo Cargo Building, il cui termine è previsto a fine maggio 2004. Il progetto, dell’importo di circa 3,2 milioni di euro, permetterà l’avvio di un’importante attività cargo con un’infrastruttura che dispone di 22 uffici e di parcheggi per 50 auto e 8 autotreni. Sempre nel 2003 si sono svolte le attività propedeutiche agli investimenti nelle infrastrutture di pista relativi al potenziamento dell’ILS (Instrument Landing System) e al monitoraggio degli impianti Avl. I relativi lavori, iniziati con il 2004, porteranno l’aeroporto di Brescia Montichiari ad operare in bassa visibilità con categorie Icao superiori all’attuale prima categoria. Tali investimenti ammonteranno a circa 5 milioni di euro..

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video