venerdì, Aprile 12, 2024
HomeAttualitàConvegno sull’ambiente a Desenzano
Dopo il Monte Corno un’altra area verde si prepara a S.Francesco

Convegno sull’ambiente a Desenzano

A palazzo Todeschini di Desenzano si è tenuto ieri un convegno sull’ambiente e sul territorio, con la «benedizione» del Parco del Monte Corno, 514 ettari di bosco con essenze arboree ed una fauna invidiabili. Ma un’altra grande area verde si sta preparando a diventare realtà. E’ quella di San Francesco, tra Rivoltella e Sirmione, che si estende sul litorale gardesano. Ne ha parlato nel suo intervento l’assessore Rodolfo Bertoni, nel corso della sessione pomeridiana del convegno. Si tratta di un progetto di oasi naturalistica che deve solo ricevere il riconoscimento (scontato) della Provincia.L’oasi di San Francesco ha una superficie di quasi 140 mila metri quadrati, di cui 26 mila a canneto e 31 mila a verde attrezzato. «La creazione dell’oasi naturalistica in questa zona da parte dell’Amministrazione – ha spiegato Bertoni – nasce dal convincimento che il territorio costituisce una risorsa ambientale preziosa, una ricchezza da non dissipare, uno spazio di cui ci si deve riappropriare per un contatto diretto con la natura, troppo spesso trascurato». In effetti ci troviamo in una zona di eccezionale valore naturalistico e paesaggistico, con riserve botaniche e faunistiche interessanti, che possono fornire contemporaneamente opportunità educative e scientifiche sia per la popolazione che per i turisti. Nell’area a canneto, per esempio, vengono descritte testimonianze di caratteri morfologici ed ambientali originari: nella zona sarà vietata qualsiasi opera di trasformazione.Nell’area a verde attrezzato, assicura l’assessore, «verrà consentita esclusivamente la creazione di spazi alberati e attrezzati, con percorsi, punti di sosta, aree per il gioco libero con costruzioni funzionali alla fruibilità del verde».Ci sono inoltre altre due aree in cui sarà possibile solo ristrutturare o migliorare strutture esistenti, ovvero costruzioni con un limite di altezza non superiore ai 3,5 metri.Desenzano sta cercando, e in parte c’è già riuscita, di blindare anche in futuro alcune aree pregiate, che altrimenti avrebbero potuto finire tra le grinfie dei «palazzinari». E’ stato questo il senso del convegno che ha visto intervenire autorevoli ricercatori e docenti per difendere tali scelte.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video