Home Attualità Festa dell’Unità d’Italia celebrazioni e filmati a Desenzano del Gar

Festa dell’Unità d’Italia celebrazioni e filmati a Desenzano del Gar

0

Anche per quest'anno l'Amministrazione comunale di Desenzano ha organizzato la celebrazione della ricorrenza del 4 novembre, festa dell'Unità d'Italia e delle Forze Armate, in collaborazione con le famiglie dei caduti, le associazioni dei combattenti e reduci, le associazioni d'arma e la società di Solferino e San Martino.La manifestazione cittadina si svolgerà domenica 5 novembre a San Martino della Battaglia con ritrovo alle ore 9.45 davanti alla Chiesetta dell'Ossario. Alle 10 si terrà la celebrazione della Santa Messa e la successiva deposizione della Corona.Alle ore 11 il corteo si sposterà poi dalla Chiesetta al della Torre con conseguente commemorazione. Tutta la manifestazione vedrà la presenza della banda cittadina e per l'occasione durante la mattinata il parco monumentale resterà aperto al pubblico.Sabato 4 novembre alle ore 21 al Teatro Paolo VI di Desenzano, in collaborazione con il circolo Il Cineforum , verrà proiettato il film Joyeux Noel del regista francese Christian Carion. L'ingresso è gratuito.Il film è ispirato alla fraternizzazione tra le opposte trincee avvenuta la vigilia di del 1914 sul fronte franco-tedesco. La vicenda si concentra, in particolare, sulle trincee del reggimento franco-scozzese da una parte e del reggimento tedesco dall'altra che in quella notte arrestarono per qualche ora la violenza e, scambiandosi dei regali, brindarono all'anno nuovo con la speranza che fosse migliore: la Storia ci insegna che questa rimarrà una piccola illusione all'interno della Grande Illusione.Il film, che tratta di un episodio quasi ignorato dalla storiografia ufficiale ma riesumato adesso sulla base di una documentazione scoperta proprio dal regista francese, invita a riflettere sui molteplici episodi di irriducibili odii che molte parti del mondo ancora oggi vivono e sull'ormai attuale importanza di una libertà che, a fatica, ha la meglio nello scontro con un terrorismo spietato e disumano di cui tutti ci sentiamo vittime.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version