Home Attualità I sommergibili targati Bs

I sommergibili targati Bs

0

Poco ma sicuro: non ce n’è mica tante a San Martino di aziende che producono sottomarini. Anzi, questa è proprio l’unica in Italia a produrre, scheda tecnica alla mano, un «veicolo subacqueo autonomo a pressione ambiente».È un gioiellino tecnologico che proprio in queste settimane viene lanciato sul mercato dall’Aerotecnica Coltri, una ditta che è già da molti anni leader mondiale nel campo dei compressori e delle attrezzature per l’immersione subacquea: erogatori, bombole, profondimetri e quant’altro.Il mercato dei mini-sottomarini è una sfida del tutto nuova, in cui nessuna azienda italiana si era mai cimentata prima d’ora. E proprio il mercato darà i suoi verdetti. Ma intanto il mini-sottomarino, bisogna dirlo, è uno spettacolo.SI CHIAMA «ULYSSE» e può portare tre persone: il pilota più due passeggeri, che a bordo respirano aria alla stessa pressione dell’ambiente esterno, perchè il veicolo è costruito sul concetto della campana subacquea. L’ingresso e l’uscita si effettuano nuotando sotto la coda: si passa per una botola e ci si accomoda all’interno. Nell’abitacolo l’aria non manca, essendo prevista una notevole riserva, pari a 30mila litri di miscela respirabile (anche nitrox), l’equivalente di nove bombole. Non bastasse, restano tre autorespiratori di emergenza e un impianto elettrico con 8 ore di autonomia. Elettrici anche i motori, computerizzati l’assetto e la gestione delle riserve d’aria.DIECI OBLÒ offrono una visione completa dell’ambiente sommerso. Ma a bordo sono montate anche telecamere e, volendo, si può personalizzare l’impianto video con computer muniti di appositi software. Il vantaggio, rispetto alla normale immersione con le bombole, è anche questo: si sta all’asciutto, portando anche a profondità considerevoli strumentazioni di ogni tipo, senza bisogno di scafandrarle.Un modo nuovo di andare sott’acqua, senza dover necessariamente saper gestire le valvole di un gav o consultare una tabella di decompressione, e senza dover stare stare in ammollo tutto il tempo.«Ma più che a un uso ricreativo – spiega l’ingegner Antonio Persico, tra i coordinatori del progetto insieme a Claudio Coltri e Giuseppe Lo Monaco – proponiamo l’”Ulysse” per scopi scientifici: a istituti di ricerca nel campo della biologia marina, agli enti gestori dei parchi marini. Un esemplare è già in funzione in Sicilia nell’area marina protetta delle Isole Ciclopi. Il prezzo? Per un “modello base” si va dai ventimila euro più Iva in su».

Nessun Tag Trovato

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version