Home Attualità Lutto a Lazise per la scomparsa di Rodolfo Callegaro

Lutto a Lazise per la scomparsa di Rodolfo Callegaro

0

In silenzio, com'era sua abitudine, se ne è andato Rodolfo Callegaro. Aveva 86 e lascia la moglie Pia ed i figli Mario e Carlo. I funerali si svolgeranno nella parrocchiale dei SS Zenone e Martino giovedì, con la tumulazione nella sua natia Sanguinetto.

Rodolfo Callegaro, a Lazise, da oltre 40 anni, era una delle figure più nobili della comunità. Da tutti riconosciuto come persona affidabile, umile, disponibile. Pronta a servire, sempre, i più umili e più bisognosi. Non a caso, diversi anni fa aveva ottenuto il premio della bontà Don Bassi per la sua dedizione totale a due ragazzi rimasti orfani di padre e madre. Uno di loro, poi, ha subito una grave condanna per omicidio. E nonostante non fosse più stato suo tutore lo ha sempre seguito con grande umiltà. Lo ha raggiunto spessissimo in carcere, anche recentemente, proprio per una vicinanza di padre. Ma Callegaro è stato anche insignito del premio Il Samaritano di Lazise, lo scorso anno. Premio promosso dall'AIDO lacisiense per le persone che in silenzio si occupano di chi è stato meno fortunato. Ed anche qui gli amici dell'AIDO hanno colpito nel segno.

Rodolfo era anto a Sanguinetto ed appena diplomatosi maestro elementare ha iniziato a svolgere la sua professione-missione nella zona del lago ed in particolare a Bussolengo. Si è poi laureato in Vigilanza Scolastica ed ha assunto le redini della direzione scolastica di . Ufficio che ha retto per oltre un quindicennio e che ha mantenuto fino alla quiescenza. E' stato anche candidato sindaco per il Partito Popolare sfidando l'attuale sindaco Luca Sebastiano nel suo primo mandato di primo cittadino.

“Conoscevo benissimo Callegaro – spiega Luca Sebastiano – perché l'ho avuto come capo della minoranza in consiglio comunale. Posso dire che è stata sempre una persona leale e corretta. Mai astiosa, mai con iniziativi di sopraffazione. Tutt'altro. Religioso, retto, coerente. Ho un grande dispiacere per la sua scomparsa.”

Callegaro è stato fino all'ultimo membro del consiglio pastorale parrocchiale, grande fautore delle iniziative dell'Aido, socio di punta della San Vincenzo De Paoli. In passato è stato anche delegato dal parroco per la gestione del Centro giovanile Parrocchiale.

“Credo che la comunità di Lazise abbia perduto un uomo saggio, serio, disponibile – afferma Gianfranco Corazza – che ha sempre avuto un atteggiamento positivo verso tutti.  Ha sempre lavorato in sordina per il prossimo senza mai mettersi in mostra. Persone così ormai non si trovano più.”

Sergio Bazerla

Nessun Tag Trovato

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version