domenica, Aprile 21, 2024
HomeSpettacoliUna notte al Coco Beach per l’Associazione Bambino Emopatico di Brescia

Una notte al Coco Beach per l’Associazione Bambino Emopatico di Brescia

Grande attesa, e tante speranze, per la serata benefica che il Coco Beach di Lonato del Garda organizza per il prossimo 6 luglio in favore dell’Associazione Bambino Emopatico di Brescia.

Alla sua quinta edizione, la serata “United Djs for Children” vuole sensibilizzare i giovani e il popolo della notte e far conoscere l’Associazione che venne fondata nel 1981 da alcuni genitori di bambini affetti da leucemia con lo scopo di rendere ottimale il trattamento medico e sostenere psicologicamente e socialmente i bambini e le loro famiglie durante il periodo di cura.

Gabriele Vesentini, titolare del Coco Beach, diede subito la disponibilità per realizzare un evento importante da abbinare all’iniziativa che nacque e mantiene l’unico scopo di sostenere l’Associazione Bambino Emopatico di Brescia, un gruppo di persone che collabora da più di trent’anni con il Reparto di Oncoematologia pediatrica degli Spedali Civili di Brescia.

Per dare manforte all’evento saranno al Coco Beach di Lonato del Garda i migliori Dj nazionali ed internazionali che si alterneranno alla consolle in una notte sotto il segno della solidarietà.

Lo scorso anno, lo ricordiamo, furono oltre 5mila le persone che affollarono gli spazi del Coco Beach e, alla fine, furono circa 50mila gli euro raccolti nel corso della serata e, decurtati da tasse e Siae, versati nelle mani dei responsabili dell’Associazione.

Vesentini con i suoi collaboratori si augura di poter ripetere, e magari migliorare, il record dello scorso anno, in modo da poter sostenere le iniziative dell’Associazione bresciana.

Nello statuto dell’Associazione si legge fra l’altro: “L’Associazione Bambino Emopatico nel 2012 ha ricevuto un importante lascito dalla Signora Alma Passuello, che ha donato la sua casa e tutti i suoi averi a favore dei bambini in cura presso il reparto di Oncoematologia pediatrica degli Spedali Civili di Brescia.

Alcune di queste famiglie si fermano per diversi mesi a Brescia, e spesso il problema di accollarsi le spese dell’albergo o di un appartamento diventano pesanti, se non impossibili. L’Associazione attualmente aiuta le famiglie sostenendo l’affitto della Casa Emiliano e della Casa Mc Donald.

Destinare la sua casa ai bambini in cura presso il Reparto di Oncoematologia pediatrica è stato esplicito desiderio della Signora Alma… Sono molti i bimbi che non necessitano ricovero, ma che, a causa della troppa distanza dall’Ospedale, non possono tornare alla loro casa tra una visita e l’altr.a. I lavori previsti sono diversi: la casa della Signora Alma va completamente ristrutturata, gli impianti vanno messi a norma e la struttura deve essere adattata e arredata pensando alle esigenze dei piccoli ospiti…”.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video