Domani la suggestiva manifestazione che prevede anche un laboratorio per insegnare come costruirli. All’arrivo della funivia esperti faranno ammirare ingegnose figure frutto di studi, tecnica e fantasia

Aquiloni colorati in volo nel cielo del monte Baldo

12/07/2009 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

A far volare aquiloni di varie dimen­sioni, tradizion­ali e avveniris­ti­ci, tut­ti comunque frut­to di par­ti­co­lari abil­ità costrut­tive abbinate a pre­cise con­g­nizion i tec­niche, saran­no gli appas­sion­ati dui una deci­na di grup­pi: oltre ad Anemos, Alin­cielo di Verona, Ludokites di Chiari (Bres­cia), Atheste team di Este (Pado­va), Liberi di volare di Bovolone e Moglia Vene­to (Tre­vi­so), Lupo volan­ti di San Mar­ti­no di Lupari (Pado­va) Team Valenti­no di Osio sot­to (Berg­amo), Fly­ing sheeps di Reg­gio Emilia.«Senza dub­bio una gior­na­ta sti­molante», pre­cisa Giuseppe Ven­turi­ni, pres­i­dente delle Funi­vie del che pro­prio oggi inau­gu­ra­no la seg­giovia Prà Alpesina «che viene ripro­pos­ta dopo due anni, con­sid­er­a­to il prece­dente suc­ces­so, nell’intento di offrire al nos­tro pub­bli­co non solo uno spet­ta­co­lo di grande fas­ci­no ma anche un invi­to, soprat­tut­to per i più pic­coli, ad avvic­i­nar­si ad uno sport sano, eco­logi­co, a stret­to con­tat­to con la natu­ra: e questi sono un po’ i motivi che spin­gono la funi­via a far sì che il mag­gior numero di per­sone pos­sa apprez­zare la mon­tagna nei suoi vari aspetti».Gli esper­ti appas­sion­ati daran­no vita a una vero e pro­prio «vil­lag­gio degli aquiloni» dove ci sarà pure uno stand in cui ver­rà spie­ga­to ai bam­bi­ni come costru­ire e far volare un aquilone. E sarà lo stes­so Pegori­ni, tra un volo e l’altro, ad illus­trare le fig­ure dis­eg­nate in cielo, le tec­niche di costruzione, le notizie riguardan­ti la sto­ria e le tradizioni legate agli aquiloni.Una vera e pro­pria lezione all’aria aper­ta, che gli orga­niz­za­tori si augu­ra­no non ven­ga tra­di­ta pro­prio dall’…aria e pos­sa con­tare su con­dizioni mete­o­ro­logiche favorevoli.

Parole chiave: