La storica società impegnata in piscina, con il canottaggio e la vela. Si inizia l’8 aprile con il Meeting internazionale di nuoto

Canottieri, un anno di sport

07/04/2004 in Sport
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Roberta Moneta

Un anno di sport, di diver­ti­men­to, di spet­ta­co­lo. Un anno di man­i­fes­tazioni che coni­ugano ago­nis­mo e puro spir­i­to sporti­vo. La Can­ot­tieri Gar­da Salò con­ta 250 ago­nisti tra nuo­ta­tori, can­ot­tieri e velisti, ma nel pro­gram­mare la sta­gione, gli orga­niz­za­tori non dimen­ti­cano lo spir­i­to asso­cia­ti­vo e ricre­ati­vo che da sem­pre con­trad­dis­tingue la soci­età garde­sana. In cartel­lone even­ti che riguardano le tre dis­ci­pline: vela, can­ot­tag­gio, nuo­to. La tradizionale antepri­ma, ered­i­ta­ta da un grup­po di ragazzi e nata con spir­i­to goliardi­co, la gara not­tur­na “Trans lac en du…”, si è svol­ta in gen­naio. Parte ora la sta­gione uffi­ciale: il pri­mo appun­ta­men­to è di liv­el­lo inter­nazionale. L’8 aprile si tiene nel­la pisci­na “Due pini” di Salò il “9° Meet­ing inter­nazionale di nuo­to”. La man­i­fes­tazione, orga­niz­za­ta in col­lab­o­razione con il Rez­za­to Nuo­to e il Comune di Rez­za­to e con il sup­por­to del­la Comu­nità mon­tana del­l’Al­to Gar­da, prevede la gara tra rap­p­re­sen­ta­tive gio­vanili di Croazia, Dan­i­mar­ca, Slove­nia, Svizzera, del­la Can­ot­tieri e del­la Fin Lom­bar­dia. Spet­ta­co­lo puro per “La sfi­da dei cam­pi­oni”. La pisci­na “Due pini” si tinge d’az­zur­ro: è pre­vista la pre­sen­za di Emil­iano Brem­bil­la, Loren­zo Vis­mara, Davide Rum­mo­lo, del bres­ciano Pao­lo Bossi­ni (fres­co di tem­po lim­ite per le Olimpia­di), del­l’as­tro nascente del nuo­to, la pri­ma­tista ital­iana dei 50, 100 e 200 stile libero, Fed­er­i­ca Pel­le­gri­ni, del­la salo­di­ana Sara Gof­fi e di molti altri. Per quan­to riguar­da il nuo­to, inoltre, a novem­bre è pre­vista la gara provin­ciale ris­er­va­ta ai pre-ago­nisti: la cat­e­go­ria pro­pa­gan­da. Un appun­ta­men­to a fine sta­gione è ded­i­ca­to al can­ot­tag­gio. E’ impos­si­bile nel orga­niz­zare gare lunghe per le imbar­cazioni a remi, per­ché lo spec­chio del Bena­co non sod­dis­fa più i req­ui­si­ti nec­es­sari (onda, tran­quil­lità,…). Per non las­cia­re sfu­mare la lun­ga tradizione dei remi, la Can­ot­tieri ha inven­ta­to una for­mu­la sprint: il “Tro­feo Sal­vadori- Fonde­ria Regali”, in pro­gram­ma il 3 otto­bre: è una gara sul­la dis­tan­za di 500 metri per il 2 di cop­pia e il quat­tro di cop­pia. La vela fa da padrone nei pro­gram­mi del­la Can­ot­tieri. Il Lago di Gar­da non è solo Cop­pa Amer­i­ca, è anche spet­ta­co­lo allo sta­to puro, e per­ché no accan­to all’ag­o­nis­mo, mag­a­ri dei più pic­coli, c’è il diver­ti­men­to delle famiglie. A questo scopo è sta­ta ripristi­na­ta “La gara sociale” sud­di­visa in tre prove: la pri­ma si svolge il 12 aprile, l’ul­ti­ma chi­ude la sta­gione il 24 otto­bre, è val­i­da come sec­on­da pro­va del­la gara sociale la Tre Vel­i­ca Salo­di­ana. Aper­ta a tut­ti la Tre Vel­i­ca è la rega­ta stor­i­ca del­la Can­ot­tieri, nata nel 1965, ulti­ma­mente orga­niz­za­ta con la col­lab­o­razione del­la Lega Navale di Bolzano, che il 10 e l’11 luglio, giorni in cui si ter­rà la Tre Vel­i­ca, dovrebbe pre­sentare al via tre imbar­cazioni. Parte­ci­pano vele storiche e clas­siche. Una vera e pro­pria fes­ta del­la Vela. Il cal­en­dario ago­nis­ti­co si apre con una man­i­fes­tazione ris­er­va­ta ai più pic­coli: il 18 aprile i velisti dagli 8 anni in su si affrontano nel Tro­feo “Beppe Nov­el­li”. I pri­mi due giorni di mag­gio la sce­na si apre sui più gran­di per il Tro­feo a squadre “XIV zona”, con l’avvin­cente scon­tro diret­to tra equipag­gi; i vinci­tori parteciper­an­no al pres­ti­gioso Tro­feo a Squadre Inter­nazionale “Riz­zot­ti” a Venezia. Il 16 mag­gio è la vol­ta delle 420; le migliori imbar­cazioni ital­iane si scon­tra­no nel Tro­feo inti­to­la­to all’uo­mo che ha por­ta­to la vela nel­la Can­ot­tieri, Ita­lo Rusi­nen­ti. L’ap­pun­ta­men­to più atte­so nel gol­fo di Salò è il “Tro­feo Ecoservizi — Salò Sail Meet­ing”: boe a ridos­so del­la cos­ta, un per­cor­so vici­no a riva, per per­me­t­tere al pub­bli­co di ammi­rare le acro­barzie e il lavoro a bor­do. Il “Salò sail meet­ing” ospi­ta anche il pri­mo cam­pi­ona­to del­la rina­ta Classe Crociera. I gran­di si fan­no pic­coli nel­la Vet­er­an’s Cup, la sfi­da dei velisti di lun­go cor­so a bor­do degli Opti­mist, imbar­cazioni per bam­bi­ni (15 agos­to). Per non abban­donare la vela, per non dimen­ti­care gli inseg­na­men­ti, per cimen­ta­r­si nel­la pri­ma rega­ta, il 19 set­tem­bre si svolge la “Don’t for­get Can­ot­tieri Cup”, ris­er­va­to ai neo velisti, che han­no fre­quen­ta­to i cor­si estivi. Una nuo­va spe­cial­ità si affac­cia sul Gol­fo di Salò: il Dinghy, una pic­co­la imbar­cazione in leg­no. Prove di cam­pi­ona­to sociale sono pre­viste per il 23 mag­gio, il 6 e il 27 giug­no, il 4 e il 18 luglio.

Parole chiave: