Programma manifestazioni 2008

Celebrazione 149° anniversario della battaglia di Solferino e San Martino

10/06/2008 in Manifestazioni
A Affi
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Ven­erdì 20 Giug­no­Museo del­la battaglia di Solferi­no ore 21CONCERTO LIRICOINAUGURAZIONE RESTAURO MUSEODomeni­ca 22 Giug­no­Com­p­lesso mon­u­men­tale di San Mar­ti­no ore 9,30AlzabandieraOssario di San Mar­ti­no ore 10Celebrazione SS.Messa in onore dei Cadu­ti­Par­co Roc­ca di Solferi­no ore 15,30 Accam­pa­men­to ed eserci­tazione fig­u­ran­ti in divisa Mart­edì 24 Giug­no Piaz­za Torel­li — Solferi­no ore 9.30a cura del Comune di SolferinoCom­mem­o­razione del 149° Anniver­sario BATTAGLIA DI SOLFERINO E SAN MAR­TIN­Odal 24 al 29 giug­no Viale Ossario di SolferinoSCORRE IL DRAPPO ROSSOIn­stal­lazione tem­po­ranea d’arte ambi­en­tale­re­al­iz­za­ta dal­l’Arch. E. Moran­di in coll. con l’Arch. M.BoseggiaGiovedì 26 GiugnoPar­co del­l’Os­sario di Solferi­no Pas­sag­gio Equiraduno 2008: “sulle vie del Risorg­i­men­to” Saba­to 28 Giugno­pri­ma del­la fiac­co­la­ta ore 18Ossario di SolferinoP­er­for­mance col­let­ti­va “Scorre il drap­po rosso”Complesso mon­u­men­tale di San Mar­ti­no ore 18avvio staffet­ta di col­lega­men­to allaFI­AC­CO­LA­TA da “SOLFERINO A CASTIGLIONE“in parten­za daPi­az­za Castel­lo di Solferi­no dalle ore 19La Soci­età Solferi­no e San Mar­ti­no, fon­da­ta nel 1870 per tra­man­dare la memo­ria del­la vit­to­riosa sec­on­da guer­ra d’indipendenza del 1859, che ha aper­to la stra­da all’unità dell’Italia, e per la con­ser­vazione degli Ossari e dei mon­u­men­ti costru­iti sulle colline a ricor­do dei tan­ti Cadu­ti, ha com­in­ci­a­to un’intensa attiv­ità in vista del­la cel­e­brazione del 150° anniver­sario del­la battaglia.Dopo la stam­pa di due volu­mi, uno ad opera del prof. Mas­si­mo Maroc­chi (Il rac­con­to del­la sec­on­da Guer­ra d’Indipendenza – mem­o­rie e cor­rispon­den­za” ), l’altro del dott. Marziano Brig­no­li (Solferi­no e San Mar­ti­no- 24 giug­no 1859 – La vit­to­ria deci­si­va”) è usci­ta la ristam­pa in lin­gua ital­iana de “Un sou­venir de Solferi­no” ormai famoso doc­u­men­to del­la battaglia di Solferi­no, ad opera di Hen­ry Dunant, sull’idea del­la Croce Rossa. L’edizione, 140 pagine for­ma­to 17 x 24, è sta­ta inte­gral­mente tradot­ta dal­la dott.ssa Alessan­dra Bel­let­ti ed è corre­da­ta da oltre cinquan­ta immag­i­ni in quadri­cro­mia, dai testi orig­i­nali del­la I Con­ven­zione di Ginevra, adot­ta­ta dal Reg­no d’Italia, e da una breve sto­ria del­la Soci­età Solferi­no e San Mar­ti­no. L’introduzione è a cura di Bruno Borghi, con­ser­va­tore del­la Soci­età. Pre­fazione del dott. Faus­to Fon­dri­eschi , pres­i­dente del­la Soci­età Solferi­no e San Martino.Venerdì 20 Giug­no­Museo del­la battaglia di Solferi­no ore 21CONCERTO LIRICO INAUGURAZIONE RESTAURO .Gra­zie al prezioso aiu­to ed alla gen­erosità di alcune soci­età si è potu­to final­mente met­tere mano al restau­ro ester­no del Museo di Solferi­no, ormai fatis­cente. Il Museo, che risale agli anni Trenta, venne cos­ti­tu­ito con il mate­ri­ale prove­niente dal­la collezione di Gau­den­zio Car­lot­ti di Cavri­ana che gen­erosa­mente donò buona parte del­la sua rac­col­ta. Si ringraziano il calz­i­fi­cio Mary­gold di Solferi­no (che già lo scor­so anno fu tra i bene­fat­tori del recu­pero del viale dell’Ossario di Solferi­no), la Fon­dazione Comu­nità Man­to­vana e le For­naci di Solferi­no che han­no in buona parte dona­to il materiale.Durante la ser­a­ta di inau­gu­razione ver­ran­no ese­gui­ti, accom­pa­g­nati dal pianoforte, alcu­ni brani dell’opera lir­i­ca (Puc­ci­ni, Respighi, Dvo­rak, Leon­cav­al­lo, ecc.) scelti dall’Associazione Arti­co pre­siedu­ta dal solfer­i­nese M°. Ser­gio Maf­fiz­zoniDomeni­ca 22 Giug­noOs­sario di San Mar­ti­no ore 10Celebrazione SS.Messa in onore dei Cadu­ti­Par­co Roc­ca di Solferi­no ore 15,30 Accam­pa­men­to ed eserci­tazione fig­u­ran­ti in divisaNon pote­vano man­care anche quest’anno i fig­u­ran­ti in divisa stor­i­ca ed armi d’epoca a rie­vo­care, non solo i fat­ti d’arme del­la battaglia di Solferi­no e San Mar­ti­no, ma, come suc­ced­erà pres­so il par­co del­la Roc­ca di Solferi­no, vere e pro­prie eserci­tazioni sul pos­to che poco meno di un sec­o­lo e mez­zo fa vide lo scon­tro tra tre eserciti.E’ così che il grup­po Carosel­lo Stori­co 3 Leoni di Som­malom­bar­do, assieme al grup­po Can­noni e moschet­ti di Medole, dopo un omag­gio ai Cadu­ti in mat­ti­na­ta pres­so l’Ossario di San Mar­ti­no pre­ce­du­to dall’alzabandiera a cura dell’Ass.Marinai di Desen­zano, occu­per­an­no nel pomerig­gio di domeni­ca 22 il pianoro sot­tostante la Spia d’Italia.dal 24 al 29 giug­no Viale Ossario di SolferinoSCORRE IL DRAPPO ROSSO“Scorre il drap­po rosso”. Così è inti­to­la­ta l’installazione tem­po­ranea d’arte ambi­en­tale real­iz­za­ta dagli Architet­ti Emanuele Moran­di e Mirko Borseg­gia, che sarà espos­ta dal 24 al 29 giug­no a Solferi­no pres­so l’Ossario ed il suo omon­i­mo viale.Il tema dom­i­nante sarà l’attualizzazione dei fat­ti accadu­ti nel lon­tano 24 giug­no 1859; l’arte si fonde con l’ambiente cir­costante dive­nen­do un uni­co ele­men­to sim­bo­lo di col­lega­men­to e con­ti­nu­ità tra pas­sato e pre­sente. L’opera è com­pos­ta infat­ti da fat­tori già esisten­ti come per esem­pio il viale, mez­zo indis­pens­abile per accedere all’ossario, ful­cro dell’opera, ed ele­men­ti nuovi come la stat­ua pos­ta all’inizio del viale, al fine di attual­iz­zare la battaglia di cen­to­quar­an­tanove anni fa.Quella cele­bre battaglia non ha moral­mente niente di dif­fer­ente dalle guerre che oggi si com­bat­tono nel mon­do e che spes­so sono invis­i­bili agli occhi di mol­ta gente; il drap­po rosso che si sro­to­la avvol­gen­do cor­pi che cadono a ter­ra, metafo­ra del fiume di sangue che bagna ogni giorno parte del mon­do, con­dur­rà il vis­i­ta­tore, sec­on­do una lib­era inter­pre­tazione, ad una pos­si­bile rif­les­sione sui fat­ti di ieri e di oggi e su ciò che li acco­mu­na: la Croce Rossa.Dopo le 18 del 28 giug­no, poco pri­ma del­la parten­za del­la fiac­co­la­ta che par­tirà da Piaz­za Castel­lo, è pre­vista una per­for­mance col­let­ti­va sul viale dell’Ossario con­sis­tente in una “foto di grup­po” delle centi­na­ia di volon­tari che poco dopo parteciper­an­no alla fiaccolata.

Parole chiave: