Gienne Giugno 2019

Il Garda in un bicchiere!

Il Gar­da, lago e din­torni, risul­ta essere pro­tag­o­nista anche nel set­tore fieris­ti­co ded­i­ca­to al . Non solo quin­di bellezze pae­sag­gis­tiche, scor­ci moz­zafi­a­to, angoli cul­tur­ali, spet­ta­coli e musei ma anche vino.
E non occorre essere veri e pro­pri inten­di­tori, il buono è ciò che piace!
Per il piacere di gustare un buon bic­chiere di vino ora­mai, e da tem­po, il set­tore vitivini­co­lo è entra­to a piene mani a far parte del set­tore tur­is­ti­co. Sono tre mesi, dal di aprile alla Fiera del Vino di Polpe­nazze di mag­gio a Italia in Rosa di Moni­ga a inizio giug­no, fino al di , che si par­la di vino non solo dalle nos­tre par­ti ma in Italia e nel mon­do. E pro­prio il set­tore eno­tur­is­ti­co fa ora­mai parte del mon­do tur­is­ti­co che ci abbraccia.
Una realtà che ha saputo uscire dai vec­chi canoni tradizion­ali del­la can­ti­na o can­ti­net­ta pre­sente in qua­si tutte le cascine agri­cole con prodot­ti una vol­ta ritenu­ti otti­mi, ma che al con­fron­to dei risul­tati attuali lascereb­bero molto da dubitare.
Uno svilup­po tur­is­ti­co in can­ti­na favorito dalle molte aziende che han­no trasfor­ma­to la loro can­ti­na in un vero e pro­prio luo­go di med­i­tazione e di rac­cogli­men­to che nul­la ha da invidiare a strut­ture ricettive stellate.
Entrare oggi in uno dei vari show­room diven­ta qua­si un rito, un momen­to di rac­cogli­men­to, si entra qua­si in pun­ta di pie­di per uscirne poi imman­ca­bil­mente con alcune bot­tiglie di vino.
Eno­tur­is­mo quin­di a brac­cet­to con il tur­is­mo tradizionale e che nul­la toglie agli agri­t­ur­is­mi. Ne ha par­la­to anche recen­te­mente l’assessore all’agricoltura del­la , , in occa­sione del­la pre­sen­tazione del­la Fiera del Vino di Polpe­nazze affer­man­do che “l’enoturismo è entra­to a far parte del set­tore tur­is­ti­co non solo del­la regione del Gar­da ma anche delle local­ità in cui la viti­cul­tura è tradizione”.
Ricor­do il bal­zo che ha avu­to il Lugana in pochi anni pas­san­do dai cir­ca 500 ettari agli attuali 2200 di super­fi­cie vita­ta e una pro­duzione vini­co­la di cir­ca 178mila ettolitri di vino con oltre 18 mil­ioni di bot­tiglie: la doc ital­iana più per­for­mante del momento!
Cin cin e buona estate.

126°-Gienne-Giugno-2019


Tutti i PDF di Gienne - Anche sul Canale Telegram