Al via tra un mese la settima edizione del concorso Riccardo Zandonai

Il bel canto si misura sul lago

Di Luca Delpozzo
gl.m.

Sarà il musi­caRi­vaFes­ti­val ad alle­stire, quest’an­no, il con­cor­so inter­nazionale per gio­vani can­tan­ti liri­ci “Ric­car­do Zan­don­ai” che si svol­gerà a Riva dal 29 mag­gio al 2 giug­no prossi­mi. La man­i­fes­tazione, giun­ta alla set­ti­ma edi­zione, è incen­tra­to sul­la com­pe­tizione vocale di artisti di fama inter­nazionale. Nato da una felice idea del sopra­no trenti­no Miet­ta Sighele nel 1995 (a mar­gine delle cel­e­brazioni del cen­te­nario del­la nasci­ta e del cinquan­tes­i­mo del­la morte di Ric­car­do Zan­dona, illus­tre autore di impor­tan­ti opere liriche) il con­cor­so si pone come sem­pre alcu­ni obi­et­tivi pri­or­i­tari. Innanz­i­tut­to quel­lo di perseguire, nel modo più inci­si­vo pos­si­bile, la memo­ria del musicista rovere­tano onde incen­ti­vare il recu­pero del­lo lo stu­dio di un pat­ri­mo­nio vocale di grande sug­ges­tiv­ità e forza espres­si­va che ha con­tin­u­a­to a for­mare, anche nel panora­ma europeo, diverse gen­er­azioni di gio­vani musicisti.E poi di dare un con­trib­u­to con­cre­to alla for­mazione di tal­en­ti liri­ci in erba con l’asseg­nazione dei pre­mi pre­visti dal ban­do in maniera da agevolare il pros­egui­men­to e l’ap­pro­fondi­men­to degli stu­di sul bel can­to ed avere altresì un imme­di­a­to giudizio sulle pro­prie poten­zial­ità e capac­ità da parte di per­son­al­ità prove­ni­en­ti dal mon­do del­la musi­ca lir­i­ca di fama riconosci­u­ta a liv­el­lo mondiale.