Stasera sul lungolago Regina Adelaide presenta Susanna Huckstep. Con il progetto Salomè in vendita un cd per aiutare i bambini del Madagascar

La sfilata delle più belle di Garda Sul palco c’è anche la solidarietà

09/08/2001 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

Si susseguono a rit­mo incalzante tra una spon­da e l’altra del lago le tappe del . Ques­ta sera il Can­ta­la­go sbar­ca, con inizio alle 21.30, sul lun­go­la­go Regi­na Ade­laide per un appun­ta­men­to che vede il ritorno come pre­sen­ta­trice di Susan­na Huck­step, l’ex miss Italia nati­va di Tri­este e di papà inglese. Nel cor­so del­lo spet­ta­co­lo, a fian­co dei quat­tro con­cor­ren­ti in gara per le sezioni inter­preti e i due inedi­ti, ci sarà spazio anche per l’elezione del­la più bel­la di Gar­da, con­cor­so vali­do per le selezioni di Miss Italia. Sul pal­co si altern­er­an­no poi gli artisti del cast fis­so del­la man­i­fes­tazione itin­er­ante orga­niz­za­ta dall’associazione Bena­cus (diret­tore artis­ti­co Andrea Van­ti­ni) con il patrocinio delle Regioni Vene­to e Lom­bar­dia, del­la Provin­cia Autono­ma di Tren­to, del­la , dell’assessorato al tur­is­mo del­la Province di Verona e Bres­cia e con la col­lab­o­razione dell’Azienda di pro­mozione tur­is­ti­ca Riv­iera degli Olivi. Pre­sen­ze da capogiro si sono intan­to reg­is­trate mart­edì a Toscolano Mader­no. Oltre 1.300 per­sone, con posti a sedere occu­pati mezz’ora pri­ma dell’inizio del­lo spet­ta­co­lo, han­no segui­to con par­ti­co­lare trasporto le spet­ta­co­lari spac­cate ma soprat­tut­to le gambe del cor­po di bal­lo diret­to dal core­ografo Nan­do De Bor­toli. Irre­sistibili sulle note del Can Can di Offen­bach le atletiche Deb­o­rah Ardui­ni, Fed­er­i­ca Bian­chi­ni, Lisa Lam­bo, Ser­e­na Parisot­to e Sil­via Polet­ti, ragazze del­la scuo­la di dan­za Vis Club di Verona. A trascinare il pub­bli­co anche la comic­ità di Giusy Zenere, bat­tute al ful­mi­co­tone e monologhi dalle mille risate, e la voce di Dilet­ta Orlan­di alle prese con un pez­zo esti­vo come Rain on the heart . Un cock­tail ben assor­ti­to, mis­ce­la­to con grazia e pro­fes­sion­al­ità da vendere da parte di Fed­er­i­ca Moro, qua­si austera ma sem­pre molto sen­si­bile e atten­ta a incor­ag­gia­re i can­tan­ti e val­oriz­zare inizia­tive uman­i­tarie come il prog­et­to Salomè per l’adozione a dis­tan­za dei bam­bi­ni del­la barac­copoli di Ambo­d­i­vona in Mada­gas­car. Insom­ma una ser­a­ta mag­i­ca, oser­e­mo dire per­fet­ta se non fos­se per la deci­sione del­la giu­ra popo­lare, zep­pa di ammin­is­tra­tori locali, di pre­mi­are come vincitrice del con­cor­so del­la sezione inter­preti la sedi­cenne Mar­i­an­gela Parpinel di Novate Milanese. Per car­ità, nul­la di scan­daloso, ma ai più è appar­so net­to il divario di capac­ità ed esten­sione vocale tra More­na Lusen­ti di Maner­ba, mes­ta­mente sec­on­da con E poi di Gior­gia, e l’ugola milanese inter­prete di I will always love you di Whit­ney Hous­ton. Podio com­ple­ta­to da Giuseppe Concin di Sopra­monte ( Per amore di Bocel­li) e Pao­la Ces­tari di Gar­do­lo ( Il mare d’inverno di Rug­gieri), sull’esecuzione dei quali è meglio sten­dere un velo pietoso. Nel­la sezione inedi­ti, vit­to­ria invece di Ste­fano Peli di Con­ce­sio ( Se ci sei tu) su Alessan­dro Moli­naro di Caldiero ( L’ombra del cilie­gio ). Spet­ta­co­lo chiu­so con l’elezione di Miss Toscolano e fas­cia asseg­na­ta ad Ele­na Olivieri, dici­as­set­tenne di Brescia.