Associazione tennis una stagione di sfide

Oggi debutta il team di A2

29/03/2003 in Sport
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Archivi­a­ta l’intensa sta­gione inver­nale, fit­ta di tornei sociali, l’Associazione ten­nis Desen­zano, cap­i­tana­ta da Aldo Fer­rari, è pronta a un 2003 da ricor­dare. Il tessera­men­to è già sta­to avvi­a­to. Dopo aver ospi­ta­to cam­pi­oni come Canè, Mez­zadri, Cam­porese e Panat­ta — che han­no gio­ca­to con i soci del club e con i ragazzi, segui­ti dai maestri Emidio Rossi e Manuel Baz­zani — alla Spi­ag­gia d’oro stan­no per essere sgon­fiati i pal­loni pres­sur­iz­za­ti. I sei campi in ter­ra rossa che 350 soci han­no a dis­po­sizione, risis­temati a nuo­vo, sono quin­di pron­ti per essere uti­liz­za­ti. La sta­gione esti­va si annun­cia con un ric­co pro­gram­ma, che unisce sport, cul­tura e sol­i­da­ri­età. Oggi pomerig­gio alle ore 15, intan­to, nel­la sala Pel­er del Palaz­zo del Tur­is­mo, ver­rà pre­sen­ta­ta uffi­cial­mente alla stam­pa e alle autorità la squadra di ten­nis che parteciperà al cam­pi­ona­to nazionale di serie A2. Saran­no pre­sen­ti i gio­ca­tori Luca Antoni­ni, Euge­nio Kner­ich, Ivan Pedrali, Manuel Baz­zani, Jan Stan­cik, Ste­fano Cheru­bi­ni, Alessan­dro Ser­ana, cap­i­tano non gio­ca­tore. Sarà pre­sente anche Yari Taran­ti­no, 24 anni, di Pino Tori­nese, un nuo­vo gio­ca­tore che mili­ta da quest’anno nel­la for­mazione garde­sana. L’Associazione ten­nis Desen­zano, oltre a una parte­ci­pa­ta scuo­la di ten­nis per­ma­nente con 120 ragazzi e alla squadra in serie A2 nazionale, schiera una squadra maschile in serie D, due squadre fem­minili di sin­go­lo e doppio, over 35 maschile, over 45 maschile, lady over 40, under 12–14-16 fem­minile, under 16 maschile. Tutte queste squadre si mis­ura­no a liv­el­lo inter­provin­ciale e regionale. Inoltre il cir­co­lo ten­nis­ti­co parte­ci­pa alla cop­pa delle scuole di ten­nis provin­ciali. La «Ten­nis school» desen­zanese ter­mi­na all’inizio dell’estate: i 120 ragazzi che la fre­quen­tano si ritro­ver­an­no per una set­ti­mana (la terza di giug­no) sui campi del­la Pol­sa di Bren­ton­i­co. In luglio, agos­to e set­tem­bre i diri­gen­ti han­no invece pen­sato di far parte­ci­pare i ragazzi del­la scuo­la a uno stage ricre­ati­vo-for­ma­ti­vo in cui i ragazzi, oltre a gio­care a ten­nis, social­iz­zano e parte­ci­pano a giochi e ani­mazione. In aprile iniziano invece i cam­pi­onati a squadre Fit. Il 1 mag­gio si inau­gu­ra la sta­gione con il Ten­nis Day: in cam­po tut­ti i soci, com­pre­si i gio­ca­tori ago­nisti. Giug­no è invece carat­ter­iz­za­to dal tor­neo sociale sia fem­minile che maschile, ma anche dal Nation­al Cup under 12 e dal­la Ser­a­ta bavarese. In luglio sarà di sce­na il tor­neo Airc nazionale di doppio mis­to, il cui rica­va­to andrà in benef­i­cen­za. Seguirà il pres­ti­gioso tor­neo ris­er­va­to agli over 45/55 maschile nazionale Fit cir­cuito Babo­lat. Inoltre, il Tor­neo del­la salam­i­na e il tor­neo sociale «Mara­tona ten­nis­ti­ca». In agos­to ci saran­no i clas­si­ci tornei per non clas­si­fi­cati e l’atteso «Cit­tà di Desen­zano» nazionale Fit, a cui pos­sono parte­ci­pare gio­ca­tori di ambo i ses­si dal­la quar­ta cat­e­go­ria agli Nc in sfide di sin­go­lo e doppio. Quin­di la ses­ta «Sot­to le stelle». In set­tem­bre farà tap­pa il Cir­cuito ama­to­ri­ale bres­ciano orga­niz­za­to dal­la «Ten­nis school», a cui parte­ci­pano centi­na­ia di otti­mi gio­ca­tori. Inoltre, i tornei sociali over 60 maschile, over 50 maschile, doppio maschile e fem­minile e il Tor­neo «Bu e broc» (ad invi­to). In otto­bre sui ret­tan­goli di gio­co sarà di sce­na il tor­neo dis­abili in sedie a rotelle di sin­go­lo e doppio maschile. Tra gli iscrit­ti Mario Gatel­li, vice­cam­pi­one ital­iano asso­lu­to, e Gian­car­lo Mer­i­ti di Desen­zano. Inoltre ci sarà il tor­neo sfi­da Italia-Olan­da. A novem­bre o dicem­bre la cena sociale con le pre­mi­azioni. Infine, fra Natale e l’, i ragazzi di tutte le scuole di ten­nis non solo provin­ciali si sfider­an­no nel «Cir­cuito di Natale» a tappe, orga­niz­za­to dal­la Ten­nis school.

Parole chiave: