Home Manifestazioni Avvenimenti Castiglione, la Provincia conferma «Pirossina esclusa dal piano cave»

Castiglione, la Provincia conferma «Pirossina esclusa dal piano cave»

La zona della Pirossina e la Cava del Pirata non verranno inserite nel piano cave che è in corso di predisposizione dalla Provincia di Mantova. Ad annunciare questa notizia, al termine dell’incontro che hanno avuto nella giornata di ieri, sono stati Maurizio Sali, l’assessore provinciale, e David Beruffi, l’assessore del comune di Castiglione, competenti in materia di ecologia e di territorio. Insieme a loro, in quella riunione, a rappresentare la provincia c’era anche l’architetto Leoni. L’incontro svoltosi ieri è seguito alla notizia del possibile inserimento del piano cave della Pirossina. A lanciare l’allarme, la scorsa settimana, era stato il presidente del comitato antidiscarica di Castiglione Giovanni Tosi. A seguito di quella uscita, l’amministrazione comunale di Castiglione e quella provinciale si erano sentite ed avevano fissato l’incontro svoltosi ieri. Al termine ne è scaturita una notizia migliore di quella che ci si attendeva: infatti, oltre alla zona della Pirossina, pare certa l’esclusione completa dal piano cave anche della Cava del Pirata. A riassumere i tratti della riunione è l’assessore di Castiglione David Beruffi: «E’ stato un vertice decisamente costruttivo e dall’esito positivo. Quanto era stato detto le scorse settimane era il frutto probabilmente di equivoci, che comunque ho chiarito con la disponibilità dell’assessore Sali e dei suoi funzionari. Io ho consegnato alla Provincia il progetto del parco sportivo della Pirossina e per tutta risposta mi sono sentito confermare dall’assessore Sali che quella zona non verrà assolutamente inserita nel prossimo piano cave. Anche l’architetto Leoni, il dirigente provinciale preposto, ha dato la propria conferma, affermando inoltre che il progetto del parco sportivo, così come è stato presentato, andrà inserito anche nel piano territoriale di coordinamento provinciale, in quanto di interesse sovracomunale. Inoltre – ha concluso Beruffi – anche un altro aspetto è stato trattato insieme a Sali e Leoni, quello della Cava del Pirata. Anche in questo caso la provincia si è dimostrata attenta alle nostre esigenze ed ha confermato che intende mantenerne la destinazione ad area da assoggettare a bonifica, così come anche la Regione aveva stabilito».

Nessun Tag Trovato

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version