Home Manifestazioni Edizione da record per ExpoArte 2002

Edizione da record per ExpoArte 2002

Expo Arte, la grande rassegna di arte contemporanea che si è chiusa nei giorni scorsi al Centro Fiera di Montichiari, ha confermato la sua forza: migliaia di visitatori hanno confermato il grande successo delle passate edizioni, sia in termini di qualità che di numeri. La manifestazione, organizzata dalla Staff Service di Brescia, rispetto all’edizione 2001 ha quasi raddoppiato le presenze e, secondo gli organizzatori, è stata visitata da un pubblico estremamente qualificato e competente. Nella serata di chiusura, l’euforia all’interno della segreteria organizzativa e del comitato organizzatore era palpabile: «È sempre un grande piacere vedere che, anno dopo anno, il successo di Expo Arte cresce – conferma i responsabili della Staff Service, motore della manifestazione – a questa edizione del decennale abbiamo dedicato un anno di lavoro e una grande passione. Expo Arte ha raggiunto grandi numeri e si conferma come una sorta di borsino per i collezionisti e le più rinomate gallerie. A Montichiari, ormai è una certezza, avviene l’apertura ufficiale della stagione delle mostre con grande soddisfazione di espositori e visitatori. Il livello di quest’anno poi è stato elevatissimo, decisamente adatto per palati raffinati». «La nostra rassegna è stata visitata dai collezionisti italiani più esigenti e la struttura di Expo Arte è sempre apparsa all’altezza di qualsiasi necessità. È stato veramente un decimo compleanno entusiasmante». Gli espositori sono stati una sessantina, provenienti da tutta Italia, con oltre duemila opere proposte in rappresentanza di ben 700 artisti. Tra i lavori più ammirati al Centro Fiera di Montichiari le tele di Pablo Picasso, Max Ernst e Juan Gris, tre grandi maestri che, in una sorta di collettiva unica e di altissimo livello, sono stati proposti nello stand dei «Tesori svelati». Ma si sono viste anche opere di Renoir e George Braque con espositori come il milanese Riccardo De Stefanis, che hanno commentato con toni entusiasti la rassegna: «È la prima volta che espongo a Montichiari e mi dispiace di non essere stato qui prima – ha dichiarato De Stefanis – Ho portato opere di alto livello e trovo che sono più che adatte al tono della manifestazione». Ottima la risposta della critica e del pubblico anche per la rassegna collaterale di Agostino Bonalumi e «le sue visioni del mondo».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version