Home Manifestazioni Fiera di Lonato, è il grande giorno

Fiera di Lonato, è il grande giorno

Ultimi preparativi per la 46a edizione della Fiera di Lonato, che domani alle 10 aprirà i 120 stand (35 agricoli) disseminati fra il palazzetto dello sport e la Cittadella scolastica. Sarà inaugurato il padiglione espositivo «Qui Lonato» curato dalla locale sezione Ascom diretta da Mario Pace. Sarà una vetrina dedicata interamente al commercio locale con 18 espositori provenienti dal centro e dalla periferia. «Questa è la novità più significativa della rassegna – spiega Pace -, quella per cui mi sono battuto: dare il giusto risalto alle attività produttive del territorio, perchè la fiera è innanzitutto dei lonatesi. Sono contento che in occasione della manifestazione sia stato sospeso il divieto di transito e parcheggio nella Cittadella. Inutile ricordare la polemica delle scorse settimane. Mi auguro che sia un segnale per una riflessione più ampia sui problemi viari del centro storico». All’interno del padiglione «Qui Lonato» è previsto un intrattenimento con il maestro liutaio Mirko Borghini e la sorella Laura, esperta restauratrice di opere lignee d’arte sacra. Sempre alle 10 si terranno la benedizione dei trattori alla chiesa di S. Antonio Abate e la sfilata lungo le vie del paese (replica alle 14.30). Poi, grande momento di folklore. La fiera lonatese ha radici molto lontane. Solo dal 1958 ha una chiara forma organizzata ed un comitato promotore che è emanazione dell’amministrazione comunale, arricchito con esponenti del tessuto culturale, economico, sportivo della cittadina. Due i momenti culturali previsti per domani: alle 16, presentazione del libro «I siti archeologici di Lonato» a cura dell’associazione La Polada (sala Celesti, palazzo municipale); interverrà la dottoressa Elisabetta Roffia della Sovrintendenza per i beni archeologici della Lombardia; alle 20.30, conferenza-concerto sulla figura di «S. Antonio Abate: un santo da svelare, fonti storiche e leggende». Il tutto nella chiesa di S. Antonio. Relatore don Giuseppe Laiti. Interverrà il coro Santa Maria Maddalena di Desenzano. Ma di Antonio il grande si comincerà a parlare anche stasera, con una rappresentazione teatrale itinerante allestita dal Gruppo giovani della parrocchia di Lonato. Al termine saranno premiati i vincitori del concorso di disegno e grafica sul santo, aperto agli studenti delle scuole lonatesi. Il sindaco Morando Perini, presidente della fiera, ha ricordato nel galà di presentazione il rilancio della manifestazione, con un forte coinvolgimento di tutte le realtà lonatesi, attività produttive, Pro loco, comitati di quartiere. Una cittadina viva, Lonato, che vuole mostrare tutti i suoi aspetti. Un’altra novità della 46a fiera è il treno storico del gusto. Un viaggio in carrozze d’epoca con degustazione di prodotti tipici locali lungo la tratta Lonato-Peschiera, in programma domenica 18 gennaio. Sono previste 4 corse (dalle 10 alle 12.30; dalle 15 alle 17.30). I biglietti sono in vendita alla Pro loco in piazza Martiri della Libertà. Il convoglio storico sarà composto da una locomotiva elettrica E.626, due automotrici leggere E.623 «Varesine», una splendida carrozza «Cento porte», una vettura bar, un salone per le degustazioni. L’inaugurazione ufficiale della fiera è in programma sabato 17 gennaio alle 10.30, alla presenza del prefetto e di altre autorità civili e religiose.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version