Home Attualità La Guardia costiera in acqua dal 1° giugno

La Guardia costiera in acqua dal 1° giugno

Anche nell’estate prossima la Guardia costiera effettuerà il servizio sul lago di Garda. Dal 1° giugno al 30 settembre, con possibilità di allungare il periodo fino al 15 ottobre. È stato l’ammiraglio ispettore capo Eugenio Sicurezza, comandante generale delle capitanerie di porto presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, a informare ieri mattina la Comunità del Garda, che ha la sede a Gardone Riviera. «In esito alla richiesta di rinnovo del servizio in oggetto – scrive Sicurezza – assicuriamo anche per la prossima stagione estiva l’approntamento dell’attività di ricerca e soccorso, seppure nuovamente a titolo sperimentale. A seguito degli accordi intercorsi col segretario generale Pierlucio Ceresa, abbiamo definito gli aspetti di natura procedurale, logistica, finanziaria e organizzativa, concordando di iniziare il 1° giugno. Conclusione: il 30 settembre, prorogabile su richiesta fino al 15 ottobre. Verrà impiegata una motovedetta Sar ognitempo, da mantenere nel porto di Bogliaco a Gargnano, con annessa postazione fissa a terra, pronta a intervenire per ogni chiamata di soccorso a persone in pericolo nelle acque. È stato altresì convenuto di adottare le medesime pattuizioni del protocollo di intesa stipulato nel 2002 fra il ministero dei Trasporti, la Comunità, la Provincia autonoma di Trento, le Regioni Lombardia e Veneto. Il controllo operativo di uomini e mezzo verrà delegato alla Capitaneria di porto di Venezia, secondo le procedure già adottate positivamente negli anni precedenti. Per quanto riguarda le comunicazioni di pronto intervento, saranno assicurate tramite il numero di emergenza 1530. Per quelle interne, provvederemo a installare un sistema radio Vhf a Bogliaco e a dotare il personale di un congruo numero di telefoni cellulari, alla scopo di consentire la massima prontezza e tempestività in caso di necessità». La motovedetta, lunga 13 metri, è in grado di eseguire operazioni di salvataggio con qualsiasi condizione meteorologica. Può contare su un organico di dodici marinai, che garantiscono una copertura 24 ore su 24, lavorando a turni. La base di Bogliaco di Gargnano è equidistante rispetto al resto del lago. La grossa novità dovrebbe essere rappresentata dalla presenza a bordo di un operatore sanitario professionale, in grado di prestare assistenza immediata, senza dover attendere lo sbarco.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version