mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAttualità«Strade senza cartelloni:deturpano il paesaggio»
La proposta del sindaco Ferrari inviata anche ai Comuni vicini e alle Province di Brescia e Verona

«Strade senza cartelloni:deturpano il paesaggio»

L’idea di vietare l’installazione di cartelli pubblicitari sul tratto della nuova tangenziale tra la rotonda di S. Martino della Battaglia e la Rovizza, al sindaco Maurizio Ferrari è balenata dopo averne parlato casualmente con un automobilista. L’arteria, inaugurata lo scorso 26 novembre, attraversa infatti una delle zone più belle dell’entroterra gardesano, caratterizzata da dolci ondulazioni del terreno, da pregiati vigneti e oliveti. «Coprire» queste bellezze con dei cartelli pubblicitari, insomma sarebbe deplorevole.Un paesaggio unico, un «quadro» di pittura sul cui sfondo si stagliano la torre risorgimentale di San Martino e le colline di Pozzolengo, mentre dall’altro versante della strada, verso est, l’immagine che troneggia più di ogni altra è sicuramente il maestoso Monte Baldo.Mettendo da parte la poesia o, forse, il rammarico che oggi purtroppo quelle «rappresentazioni» naturalistiche sono in via di estinzione (soprattutto perchè proprio su quell’area passerà la linea Tav dei treni superveloci, con un progetto molto criticato e più volte riveduto e corretto) bisogna dire che l’iniziativa del sindaco di Sirmione non può che incontrare i favori dell’intera opinione pubblica, non solo quindi di quanti abbiano una coscienza ambientalistica.Ieri, dunque, Ferrari ha preso carta e penna e scritto agli assessori provinciali di Brescia, Mauro Parolini, e di Verona, Gilberto Pozzani e ai sindaci di Pozzolengo, Desenzano e Peschiera, per chiedergli di «non autorizzare l’installazione di cartelli pubblicitari di nessun tipo, così da consentire il pieno godimento di tale paesaggio».Un paesaggio, rileva sempre il sindaco, formato «da un ambiente agricolo ed in particolar modo vitivinicolo di notevole pregio, che il tracciato in sé ha in parte già modificato, ma che vorremmo non venisse deturpato, cercando di prevenire ogni tipo di impatto ambientale».Il tracciato di tangenziale attraversa i territori di più Comuni, mentre la competenza è della Provincia: di qui l’esigenza di consultare preventivamente i vari enti. Tra l’altro, anche la commissione comunale del paesaggio di Sirmione ha espresso parere favorevole all’indicazione della giunta Ferrari.Certo, dobbiamo ricordare, ma anche lo stesso Ferrari lo ammette, che questa superstrada avrebbe potuto causare un minor impatto ambientale se il suo tracciato fosse stato realizzato a fianco della linea ferroviaria Milano-Venezia e dell’autostrada A4, obbiettivo per il quale invano si batterono, negli anni Novanta, le associazioni ambientaliste. Vennero anche coinvolti i consigli comunali di Desenzano e Sirmione i cui ordini del giorno vennero sì votati all’unanimità, ma senza alcun apprezzabile risultato sull’Anas. Per Sirmione i benefici non si sono ancora definitivamente concretizzati per via del divieto dei mezzi pesanti a transitare sul nuovo tratto in direzione di Peschiera.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video