Aperta e ampliata nuova passeggiata in riva al lago a Lazise

11/08/2016 in Attualità
Parole chiave: -
Di Sergio Bazerla

Dire che Rena­ta Aldegheri è sod­dis­fat­ta è dire poco. Ma la sod­dis­fazione per l’am­pli­a­men­to del pas­sag­gio a “riva lago” nel­la zona di vil­la Per­golana, dopo l’in­ter­ven­to deciso del sin­da­co Luca Sebas­tiano, a segui­to del­la sen­ten­za del tri­bunale ammin­is­tra­ti­vo, è notizia del momen­to ed è sta­ta ben accol­ta anche dagli stranieri.

Non dico che siamo feli­ci per ques­ta aper­tu­ra e per questo ampli­a­men­to — sot­to­lin­ea Rena­ta Aldegheri, che per anni si è bat­tuta per questo risul­ta­to — ma sod­dis­fat­ti si. Non tan­to per una con­quista per­son­ale ma soprat­tut­to per aver final­mente rot­to gli indu­gi ed aver dato modo a tut­ti di godere del bene pub­bli­co e di pro­pri­età del demanio pub­bli­co. Ed anche — me lo con­sen­ta — di pot­er final­mente dare modo anche ai por­ta­tori di had­i­cap di pot­er fruire del­la bellez­za del luo­go.”

Quel trat­to di zona dema­niale infat­ti bloc­ca­va, o quan­tomeno riduce­va di molto, il tran­si­to alle bici­clette ed anche ai pedoni, non con­sen­ten­do in defin­i­ti­va di pot­er rag­giun­gere Gar­da da Lazise e vicev­er­sa. “Res­ta anco­ra in pred­i­ca­to, a Lazise — sog­giunge Aldegheri — quel trat­to di zona dema­niale che dal rio mar­ra con­duce fino a Pacen­go e quin­di fino a Peschiera. E se vogliamo oltre, ovvero fino a Borghet­to uti­liz­zan­do la riva del fiume Min­cio. Anche su ques­ta area con­to che il comune di Lazise pos­sa fare un cer­to ragion­a­men­to.”

Frat­tan­to gli operai del comune han­no dato avvio alla transen­natu­ra del­l’area, delim­i­tan­do la pro­pri­età con­do­miniale di Vil­la Per­golana con una rete metal­li­ca ed una adegua­ta cop­er­tu­ra di tela verde. Han­no inoltre estir­pa­to la siepe di ole­an­dri per con­sen­tire un più con­sono tran­si­to pedonale e nel­l’area con­sid­er­a­ta.

Non pos­si­amo ulti­mare i lavori appe­na iniziati — spie­ga il vicesin­da­co Euge­nio Azza­li — in quan­to siamo in pieno affol­la­men­to tur­is­ti­co. E’ quin­di ovvio che com­pleter­e­mo i restanti lavori non appe­na il flus­so tur­is­ti­co sce­merà.  Mi pare — con­clude Azza­li — che il risul­ta­to ottenu­to sia apprez­z­abile offren­do ai res­i­den­ti ed ai molti esti­ma­tori di Lazise del lago di Gar­da una pos­si­bil­ità in più di godere le bellezze del nos­tro ter­ri­to­rio.”

Ser­gio Baz­er­la

o oggi

Parole chiave: -