Pino Buongiorno commenta i principali fatti di attualità davanti ad un assemblea di studenti

Buongiorno pessimista: ci attendono anni difficili

01/11/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Salò

«Non con­di­vi­do le tesi bel­li­ciste di Ori­ana Fal­laci, per­chè por­tano allo scon­tro frontale. Il fon­da­men­tal­is­mo islam­i­co si com­bat­te con le armi del­la polit­i­ca e del dial­o­go, sen­za assumere posizioni dras­tiche. I kamikaze in Palesti­na o i ceceni nel teatro di Mosca sono un fal­li­men­to». Lo ha det­to Pino Buon­giorno, vicedi­ret­tore di «Panora­ma», invi­a­to nelle zone calde del mon­do (ha vis­su­to da vici­no la Guer­ra del gol­fo, ed è sta­to cor­rispon­dente dal Pak­istan), che ieri ha par­la­to agli stu­den­ti di Salò, nel­l’au­di­to­ri­um del «Bat­tisti». Alla pre­sen­za del sin­da­co (), del­l’asses­sore alla Pub­bli­ca istruzione (Gabriele Cominot­ti), dei pres­i­den­ti del­la Asso­ci­azione arma aero­nau­ti­ca (Costante Bel­let­ti), dei Com­bat­ten­ti (Umber­to Schiff) e del «Nas­tro azzur­ro» (Anna­maria De Paoli), Buon­giorno ha trat­teggia­to la situ­azione attuale, par­lan­do di Bush («l’ho conosci­u­to quand’era gov­er­na­tore del Texas, è un tipo molto frag­ile, che ha dei risveg­li quan­do avven­gono cose stra­or­di­nar­ie, come l’at­ten­ta­to alle due tor­ri dell’11 set­tem­bre 2001»), di Bin Laden («il peri­co­lo numero 1: è rius­ci­to a portare sot­to il suo ombrel­lo tut­ti i movi­men­ti estre­mi mus­sul­mani; adesso ha bisog­no di trovare un nuo­vo ter­ri­to­rio, e ci sta provan­do in Indone­sia, nelle Fil­ip­pine e in Ara­bia Sau­di­ta»), di Sad­dam Hus­sein («alle Nazioni Unite si sta dis­cu­ten­do sul­la prossi­ma risoluzione: prob­a­bile vengano decise ispezioni sen­za con­dizioni, lim­i­tazioni o preavvi­so»). A giudizio di Buon­giorno, «ci atten­dono mesi e anni molto difficili».

Parole chiave: