Calcio benefico a Colà di Lazise

24/06/2013 in Attualità, Calcio
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Dopo aver aiu­ta­to Fed­eri­co Val­busa a far fronte ad uno spi­raglio di vita, che poi si è presto infran­to, Colà con la sua gen­erosità tor­na ad occu­par­si di benef­i­cen­za e di aiu­to ai meno for­tu­nati. E ques­ta vol­ta l’aiu­to è riv­olto a Selene Lenot­ti di Affi, attra­ver­so il gio­co di una par­ti­ta di cal­cio benefi­ca che si svolge nel cam­po sporti­vo Alla Madon­na, saba­to 29 giug­no alle 21.00. Uno spir­i­to che da anni coin­volge tut­ta la cit­tad­i­na, ma soprat­tut­to chi ama lo sport e gio­ca per pura pas­sione . E’ il caso del grup­po Ama­tori di Colà che con il cal­cio vivono momen­ti lieti e vivono pien­amente lo sport sen­za ago­nis­mo e sen­za rival­ità. E pro­prio con questo spir­i­to han­no imme­di­ata­mente accolto l’ap­pel­lo pres­sante di Giuseppe Lenot­ti, di Affi, che pro­prio dalle pagine del gior­nale L’Are­na ha chiesto aiu­to per sua figlia Selene di 11 anni. La ragazz­i­na è affet­ta da una gravis­si­ma epi­lessia far­ma­core­sistente con stenosi alle arterie, il tut­to aggra­va­to da una raris­si­ma malat­tia genet­i­ca, la PSE, Pseu­do Xan­tema Elatis­cum scop­er­ta all’ospedale Gasli­ni di Gen­o­va dove la pic­co­la si deve recare spes­sis­si­mo per le cure di soprav­viven­za.

Alla par­ti­ta di cal­cio vi parteciperà anche l’ex cal­ci­a­tore di serie A Di Canio pro­prio per coin­vol­gere mag­gior­mente il pub­bli­co ad un sosteg­no impor­tante per l’inizia­ti­va a favore di Selene.

La sen­si­bil­ità dei cola­ti­ni è ormai indis­cus­sa — spie­ga Gior­gio Mon­tre­sor di Gens Clau­dia — e lo si è vis­to con il sosteg­no alla SLA attra­ver­so l’as­so­ci­azione Ami­ci di Gigi che ormai da anni offre un con­sid­erev­ole con­trib­u­to alla sede provin­ciale di SLA con la bici­clet­ta­ta, l’or­ga­niz­zazione degli eser­centi che han­no offer­to una intera gior­na­ta a sosteg­no di Fed­eri­co Val­busa, i con­tribu­ti ai ter­re­mo­tati con la fes­ta del 5 di Agos­to, ed ora con il Grup­po Ama­tori di Colà per Selene Lenot­ti. Pos­si­amo dire di essere un paese uni­to, di lavo­rare insieme, e il vei­co­lo più impor­tante sono pro­prio le asso­ci­azioni ed i sodal­izi sportivi. Del resto- con­clude Mon­tre­sor — che sen­so avrebbe lavo­rare nel volon­tari­a­to e nel­lo sport sen­za con­sid­er­are che è sta­to meno for­tu­na­to o chi è in dif­fi­coltà? Si gio­ca in squadra e si vince insieme. Con­fidi­amo di vin­cere anche ques­ta par­ti­ta per la pic­co­la Selene.”

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: