Domani sul piazzale del porto

C’è un cardinalealla festa dellaRegina del Garda

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Domani, alle 16, il piaz­za­le del por­to ospiterà la solenne cel­e­brazione per l’anniversario dell’incoronazione del­la come «Regi­na del Gar­da». La mes­sa sarà pre­siedu­ta dal car­di­nale Clau­dio Hummes, prefet­to del­la Con­gregazione del Clero. Al ter­mine del­la fun­zione reli­giosa le imbar­cazioni in acqua met­ter­an­no in sce­na una breve pro­ces­sione segui­ta dal­la benedi­zione del lago di Garda.«Si può dire che tut­ta la cit­tà di Peschiera, dall’amministrazione comu­nale alle diverse asso­ci­azioni e anche pri­vati cit­ta­di­ni, ha parte­ci­pa­to alla preparazione di ques­ta ricor­ren­za», spie­ga Frate Pio, il Padre guardiano del san­tu­ario. «Un grande coin­vol­gi­men­to come è gius­to che sia per­ché la Madon­na del Frassi­no non è solo la Madon­na dei frati ma è di tut­ti». Pro­prio Padre Pio ha volu­to ripristinare, lo scor­so anno, la cel­e­brazione uffi­ciale dell’affidamento del lago di Gar­da e delle sue popo­lazioni alla Madon­na del Frassino.«Il decre­to è data­to 1929, ma l’incoronazione è dell’anno suc­ces­si­vo, e pre­cisa­mente del 24 set­tem­bre 1930», ricor­da il Padre guardiano. «Tre anni più tar­di, il 23 otto­bre 1933, a Peschiera veni­va inau­gu­ra­to il tem­pi­et­to real­iz­za­to sul bas­tione a fian­co del por­to. Lo stes­so al quale domeni­ca una delle imbar­cazioni porterà un omag­gio flo­re­ale. Un gesto che ricorderà a tut­ti il per­ché su quell’angolo delle mura scaligere esiste questo tempietto».Nel 2006 la cer­i­mo­nia reli­giosa venne segui­ta da una grande fol­la, al pun­to che risul­ta­va del tut­to pieno non solo lo stes­so piaz­za­le del Por­to ma la gente si era assiepa­ta anche sui bas­tioni del­la fortez­za veneziana.«Il legame con la Madon­na non si è mai inter­rot­to. Quan­do c’è Lei c’è sem­pre grande rispos­ta: é il sen­so di una pre­sen­za mater­na», con­clude Padre Pio, «di cui abbi­amo bisog­no per ritrovare la sper­an­za». Oggi come ieri, forse di più.

Parole chiave: