Dopo due anni torna lo spettacolare Air show promosso dal Comune e dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica. Appuntamento sabato 5 giugno: attese sul lungolago 100mila persone

Cielo tricolore con le «Frecce»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Massimo Zuccotti

Con­to alla roves­cia sul Gar­da per la man­i­fes­tazione-even­to di quest’anno: sarà l’unico Air show real­iz­za­to quest´anno tra le provin­cie di Verona, Bres­cia e Man­to­va. La man­i­fes­tazione, orga­niz­za­ta dal Comune aril­i­cense, ha da pochi giorni ottenu­to il via lib­era dal­lo Sta­to Mag­giore dell’Aeronautica. All’esibizione parteciperà la Pat­tuglia acro­bat­i­ca nazionale, le cele­bri , che trac­cer­an­no nel cielo un tri­col­ore lun­go più di cinque chilometri. L’Air show si svol­gerà saba­to 5 giug­no nel pomerig­gio, sul lun­go­la­go Cap­puc­ci­ni-For­naci, con prove gen­er­ali il ven­erdì. L’evento, sot­to egi­da comu­nale, sarà coor­di­na­to da un pool di asso­ci­azioni di appas­sion­ati: il Club Frec­ce Tri­col­ori del Gar­da, l´Associazione Arma Aero­nau­ti­ca, l´Aeroclub di Bres­cia. Al fine di assi­cu­rare un pro­gram­ma di ele­va­to liv­el­lo, è sta­to cos­ti­tu­ito un team tec­ni­co con i migliori esper­ti del cir­co­lo acro­bati­co mon­di­ale: a loro è sta­to affida­to il com­pi­to di for­gia­re quel­la che sem­bra can­di­da­ta a diventare una delle prin­ci­pali man­i­fes­tazioni aeree di tut­ta Italia. Il team oper­a­ti­vo sarà capeg­gia­to dal gen­erale Mas­si­mo Mon­ta­nari, di orig­ine emil­iana, uni­ver­salmente riconosci­u­to come la mas­si­ma espres­sione dell’acrobazia aerea euro­pea: al suo atti­vo 15 anni di pat­tuglia acro­bat­i­ca e l´abilitazione a volare su oltre 30 veliv­oli. Al suo fian­co Ste­fano Bul­gar­el­li di Udine, grande esper­to di logis­ti­ca orga­niz­za­ti­va nonché coa­d­i­u­tore dei migliori air-show ital­iani. In squadra anche Gior­gio Aloisi, veronese, con una espe­rien­za di qua­si vent´anni di Frec­ce Tri­col­ori e con il del­i­ca­to com­pi­to di fotografo «in volo» nonché sup­por­to alle pub­bliche relazioni del­la squadriglia. In azione anche Mar­co Colan­toni, ex uffi­ciale esper­to in piani di volo, il pres­i­dente dell´Arma Aero­nau­ti­ca Enzo Mon­i­co, affi­an­cati dal vice pres­i­dente dell´Aeroclub di Bres­cia Vin­cen­zo Francesca e da Ser­gio Baz­zani, coor­di­na­tore del­l’Ae­ro­Club d’I­talia. Chi­ude l´equipaggio orga­niz­za­ti­vo l´ex pilota Ivo Bertagna. Per la pre­sen­za del piat­to forte, le Frec­ce Tri­col­ori, il cosid­det­to «ok a pro­cedere» è sta­to dato dal gen­erale Vin­cen­zo Par­ma, capo del repar­to min­is­te­ri­ale che coor­di­na il cal­en­dario del­la pat­tuglia acro­bat­i­ca, il quale ha avu­to l´opportunità di incon­trare Enzo Mon­i­co, pres­i­dente degli avi­a­tori lacus­tri, nom­i­na­to da poco cav­a­liere su pro­pos­ta del pres­i­dente del Con­siglio, Sil­vio Berlus­coni. La macchi­na orga­niz­za­ti­va si è subito mes­sa in moto: Mar­cel­lo Ghi­ni, diri­gente tec­ni­co comu­nale, con il sup­por­to di tut­to il team munic­i­pale, ha pre­dis­pos­to il piano gen­erale orga­niz­za­ti­vo. E´ facile sti­mare un pub­bli­co di cir­ca 100 mila per­sone che arriver­an­no a Peschiera (nel­la scor­sa edi­zione, sen­za alcu­na pro­mozione, ne giun­sero cir­ca 70 mila). Per la man­i­fes­tazione saran­no coin­volte tutte le forze dell´ordine, oltre a numerose asso­ci­azioni di volon­tari­a­to e soc­cor­so, che dovran­no garan­tire gli aspet­ti logis­ti­ci dell’Air show: un vero e pro­prio appor­to inter­forze, gesti­to dai diri­gen­ti del­la Ques­tu­ra di Verona. Ai vari «in boc­ca al lupo» giun­ti agli orga­niz­za­tori da più par­ti, sin­go­lare quel­lo invi­a­to da un con­nazionale res­i­dente a Los Ange­les, il quale, dopo aver let­to su inter­net del­la man­i­fes­tazione garde­sana, ha fat­to arrivare a Peschiera una bot­tiglia di cham­pagne francese affinché gli orga­niz­za­tori brindassero all’evento. La bot­tiglia è sta­ta sim­boli­ca­mente deposi­ta­ta nel­la sede dell´Associazione Aero­nau­ti­ca lacus­tre, ubi­ca­ta nel­la palazz­i­na stor­i­ca. Prob­a­bil­mente, a tito­lo inau­gu­rale, sarà stap­pa­ta la sera pri­ma del­la man­i­fes­tazione. Il brin­disi sarà accom­pa­g­na­to dal clas­si­co «Gheregheghez»: l´urlo degli avi­a­tori, tradizione dei piloti ital­iani del­la sec­on­da guer­ra mondiale.

Parole chiave: