Cozze tarantine in gara per apprezzare la Puglia

Con la Confraternita di Benvenuti

Di Luca Delpozzo
(e.c.)

Il lago ospi­ta le cozze taran­tine. Sarà una ser­a­ta spe­ciale quel­la di domani al ris­torante Al Fiore, dove si svol­gerà una tap­pa del Fes­ti­val del­la cuci­na ital­iana con la coz­za taran­ti­na, orga­niz­za la Con­fra­ter­ni­ta delle antiche tradizioni enogas­tro­nomiche verone­si pre­siedu­ta da Ren­zo Ben­venu­ti. Per Verona si trat­ta di una novità nel cam­po dell’enogastronomia, gra­zie alla disponi­bil­ità di Raf­fael­lo Speri, tito­lare del ris­torante e pres­i­dente dell’Associazione maitres ital­iani ris­toran­ti e alberghi. Si trat­ta di una gara tra iscrit­ti all’Associazione ital­iana cuochi, che pre­par­eran­no piat­ti a base di cozze taran­tine. Lo chef che, sec­on­do la giuria, vin­cerà, parteciperà alla finale a Taran­to. L’iniziativa è nata dal­la cre­ativ­ità di Domeni­co Lardiel­lo, pres­i­dente del Cen­tro cul­tur­ale Renoir di Taran­to impeg­na­to a pro­muo­vere inizia­tive cutur­is­tiche ed enogas­tro­nomiche per pro­muo­vere l’area taran­ti­na. Il fes­ti­val vuole val­oriz­zare un prodot­to tipi­co di Taran­to, la coz­za all­e­va­ta nel mar Pic­co­lo del­la cit­tà. La ser­a­ta ver­rà real­iz­za­ta con soci e ospi­ti del­la Con­fra­ter­ni­ta di Ren­zo Ben­evenu­ti. Non mancher­an­no prodot­ti scaligeri, pane e for­mag­gi pugliesi.