In ogni giornata, migliaia di persone hanno invaso le piazze e le vie centrali di Lonato del Garda durante questo week-end di fiera. La manifestazione regionale dedicata all’agricoltura, l’artigianato e il commercio si è conclusa questa sera, 17 settembre, con gli ultimi eventi musicali e culturali

Confermato, dalla grande affluenza di pubblico, il successo della 52a Fiera Regionale di Lonato del Garda

18/01/2010 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Con sod­dis­fazione di tut­ta l’Amministrazione lonatese e del comi­ta­to fiera che ha lavo­ra­to inten­sa­mente durante gli ulti­mi tre mesi, la 52ª Fiera regionale di Lona­to del Gar­da si con­fer­ma un even­to stra­or­di­nario, capace di attrarre centi­na­ia di per­sone e di creare momen­ti di cul­tura, e anche di incon­tro, pro­mozione del ter­ri­to­rio e diver­ti­men­to. Mer­i­to dell’eccellente orga­niz­zazione, del lavoro del comi­ta­to pre­siedu­to dall’assessore Valenti­no Leonar­di e dal diret­tore Nico­la Fer­rari­ni, di tut­ti i col­lab­o­ra­tori e soprat­tut­to dei numerosi pre­sen­ti che sono inter­venu­ti alla manifestazione.Una fol­la di vis­i­ta­tori ha inva­so le vie del cen­tro e le piazze coin­volte nel­la ker­messe. Palazzet­to e ten­sostrut­tura han­no fat­to il pieno di ospi­ti, per la gioia degli espos­i­tori, men­tre le strade era­no gremite di volti di ogni età. Oltre 300 i com­mer­cianti, arti­giani, pro­dut­tori agri­coli, asso­ci­azioni, enti e grup­pi pre­sen­ti in fiera con i loro stand.L’apertura del­la tre-giorni è inizia­ta alla grande già ven­erdì sera scor­so, con lo spet­ta­co­lo del Gran Galà, nell’ex dis­cote­ca Dehor. Apprez­za­ta dal pub­bli­co e dai con­cor­ren­ti anche la Grande sfi­da dei trat­tori, svoltasi durante la gior­na­ta di ieri (pres­so l’area Seri­na alle porte del­la cit­tà). Dal­la com­pe­tizione sui mezzi agri­coli, l’intrattenimento è poi pas­sato al sim­pati­co “palo del­la cuccagna”, pri­ma edi­zione del­la Fiera di Sant’Antonio. Quat­tro le squadre in gara, allenate­si per scalare il palo alto 15 metri: nes­sun grup­po è rius­ci­to a con­quistare la bandiera, ma l’entusiasmo dei con­cor­ren­ti è sta­to pre­mi­a­to dal­la fol­la di fans e spet­ta­tori, riu­ni­tisi intorno a piaz­za Mat­teot­ti. Oggi, per tut­ta la gior­na­ta, le per­sone si sono river­sate lun­go le vie lonate­si, fino a sera. I momen­ti prin­ci­pali del­la domeni­ca di Sant’Antonio – i più sen­ti­ti sec­on­do la tradizione – sono sta­ti cer­ta­mente la benedi­zione degli ani­mali, sul sagra­to del­la chieset­ta ded­i­ca­ta al san­to e la pro­ces­sione con la stat­ua del san­to patrono insieme a tut­ti i con­cor­ren­ti del 2° Palio delle frazioni, orga­niz­za­to dagli Ami­ci di Sant’Antonio. Nove le frazioni lonate­si che si sono sfi­date in una gara “d’altri tem­pi”, sot­to la torre civi­ca, in piaz­za Mat­teot­ti: Lona­to cen­tro, Lona­to due, Cam­pagna, Castel­ven­za­go, Cen­te­naro, Esen­ta, Maguz­zano-Bar­cuzzi, Sede­na e San Cipri­ano. Le squadre era­no com­poste da otto per­sone cias­cu­na (con almeno due donne), in rap­p­re­sen­tan­za delle varie local­ità cit­ta­dine. In cos­tu­mi di una vol­ta e con tan­to di sten­dar­do e sim­bo­lo del­la bor­ga­ta, i parte­ci­pan­ti si sono cimen­tati i cinque spe­cial­ità: taglio del tron­co, cor­sa a tre gambe, lan­cio con uovo e grem­bi­ule, gara dei tre mat­toni e cor­sa dei sac­chi. A tri­on­fare è sta­ta la frazione di Sede­na; sec­on­do il grup­po di Campagna.In con­tem­po­ranea, pres­so la Basil­i­ca di S. Gio­van­ni Bat­tista, e Francesco Zin­gariel­lo han­no regala­to al caloroso (e numeroso) pub­bli­co un con­cer­to liri­co stra­or­di­nario. La sim­pa­tia e la cor­dial­ità del cele­bre sopra­no han­no com­ple­ta­to a per­fezione l’evento, gen­erosa­mente offer­to da un impren­di­tore lonatese. Al pianoforte, il mae­stro Rober­to Cor­lianò ha accom­pa­g­na­to i can­tan­ti in una car­rel­la­ta di brani di musi­ca sacra e lir­i­ca. Ulti­mo atto del con­cer­to: un coro di auguri per Katia Ric­cia­rel­li, che domani (18 gen­naio) com­pirà gli anni. Il rica­va­to dell’evento liri­co, forte­mente volu­to dall’assessore al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di, andrà a favore delle popo­lazioni ter­re­mo­tate di Haiti.Per tut­to il pomerig­gio, per i più gio­vani, è con­tin­u­a­to il Par­ty on the road, in col­lab­o­razione con Radio Stu­dio Più. Degus­tazioni e gare gas­tro­nomiche han­no con­quis­ta­to i palati dei vis­i­ta­tori, facen­do eco alla bon­tà dei prodot­ti nos­trani, orgoglio del­la ter­ra lon­tese e dell’area gardesana.Un tripu­dio di vis­ite anche per i gioiel­li del­la , la Roc­ca, la Casa del podestà e il Museo civi­co orni­to­logi­co han­no accolto una schiera di ospi­ti, che in questo week-and han­no potu­to accedere gra­tuita­mente ai monumenti.Alle scuole medie “Tarel­lo”, il sin­da­co , insieme al diret­tore del­la fiera Nico­la Fer­rari­ni e al pit­tore Athos Fac­cin­cani, ha pre­mi­a­to i vinci­tori del I° con­cor­so di pit­tura “Ali e vele sul Gar­da” orga­niz­za­to da Lui­gi Del Poz­zo e dal­la redazione di “GN Gien­ne”, il men­sile del lago di Garda“GardaNotizie. L’artista Tan­cre­di Muchet­ti di Soiano ha vin­to il pri­mo pre­mio, sec­on­do la val­u­tazione del­la “Giuria qual­i­fi­ca­ta” pre­siedu­ta da Athos Fac­cin­cani, men­tre Gio­van­ni Fadi­ni di Desen­zano si è aggiu­di­ca­to il riconosci­men­to del­la giuria popo­lare. La mostra-con­cor­so è sta­ta vis­i­ta­ta da oltre mille per­sone, 300 del­la quali han­no espres­so il loro voto.La giuria “Qual­i­fi­ca­ta” ha espres­so il pro­prio parere attra­ver­so appo­site schede e con numer­azione delle opere diver­sa da quelle esposte. Lo spoglio delle stesse è avvenu­to diret­ta­mente alla pre­sen­za degli artisti e del pub­bli­co. Lui­gi Del Poz­zo, diret­tore del men­sile, ha antic­i­pa­to il tema del­la sec­on­da edi­zione “Castel­li e Roc­che del lal­go di Garda”.Ultimo appun­ta­men­to che ha uffi­cial­mente chiu­so la 52ª edi­zione del­la del Gar­da, il con­cer­to di musi­ca clas­si­ca degli alun­ni del­la scuo­la “Pao­lo Chimeri”. Nel­la Sala Celesti del Munici­pio i ragazzi dell’ensemble di chi­tarre han­no suona­to il lieto fine di una man­i­fes­tazione che, in ques­ta edi­zione, ha avu­to anche nel­la musi­ca e nel­la cul­tura una delle sue prin­ci­pali espressioni.«La 52ª Fiera di Lona­to del Gar­da è sta­ta pre­mi­a­ta, in prim­is, dall’eccezionale pre­sen­za del­la gente. Cam­minare per le strade in questi giorni, cir­con­dati da così tante per­sone, ci ha regala­to con­tin­ue sod­dis­fazioni. La Fiera di Lona­to del Gar­da – ha riflet­tuto il sin­da­co a fine even­to – non è solo un appun­ta­men­to impor­tante sot­to l’aspetto enogas­tro­nom­i­co, agri­co­lo e com­mer­ciale, ma por­ta con sé un qual­cosa di più, che tro­va espres­sione nelle pro­poste cul­tur­ali che han­no arric­chi­to il cartel­lone fieris­ti­co, con­fer­en­do un val­ore aggiun­to alla cit­tà. I con­veg­ni, i con­cer­ti, le mostre e il con­cor­so di pit­tura, le del­la Pro loco ai nos­tri mon­u­men­ti: tante occa­sioni per apprez­zare anco­ra di più la nos­tra Lona­to del Garda».