Il bilancio della Sirmione servizi

Differenziatada record: exploitin quattro mesi

10/05/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
M.T.

record a Sirmione. Nei pri­mi quat­tro mesi di quest’anno è sta­to toc­ca­to il 43,40% cor­rispon­dente a cir­ca 600 mila kg. di rifiu­ti dif­feren­ziati trat­tati. Il pres­i­dente del­la Sirmione Servizi, Anto­nio Bosi­sio Cristi­ni e il diret­tore Daniele Faso­lo, qua­si non cre­de­vano ai loro occhi quan­do i fun­zionari han­no mes­so sul tavo­lo gli ulti­mi risul­tati del servizio rifiu­ti. La soci­età è insom­ma par­ti­ta in questo 2008 a spron bat­tuto rib­al­tan­do il dato di appe­na un anno fa, quan­do la dif­feren­zi­a­ta era davvero bassi­na e si aggi­ra­va attorno al 30%. Per il momen­to questo tipo di rac­col­ta viene assi­cu­ra­to «por­ta a por­ta» solo nel cen­tro stori­co, men­tre nel­la restante parte del ter­ri­to­rio viene chiesto ai cit­ta­di­ni di servir­si dei cas­sonet­ti e delle «cam­pane». Spic­ca il notev­ole aumen­to del rifi­u­to umi­do organ­i­co che è cresci­u­to nel­la misura record del 258,90%, pas­san­do da 24.500 kg. a 62.250 kg. Anche la plas­ti­ca rap­p­re­sen­ta una piacev­ole sor­pre­sa per la soci­età comu­nale. Infat­ti, sem­pre nel pri­mo quadrimestre vi è sta­to un incre­men­to nel­la rac­col­ta pari al 92%, pas­san­do da un peso com­p­lessi­vo di 11.020 kg. a 22.000 kg. In cresci­ta anche la car­ta (+10.63%) e il vetro (+50%).«Purtroppo non ha con­fer­ma­to le nos­tre aspet­ta­tive la rac­col­ta del veg­e­tale – osser­va Daniele Faso­lo – in calo a fine mar­zo di cir­ca il 15%. Nel ten­ta­ti­vo di cor­reg­gere la ten­den­za in neg­a­ti­vo, è sta­to deciso di posizionare, prob­a­bil­mente già dal­la fine di questo mese, una deci­na di ecobox sull’intero ter­ri­to­rio per con­sen­tire il depos­i­to di rifi­u­to prove­niente da sfal­ci e potature». L’ottimizzazione del­la dif­feren­zi­a­ta ha, per­ciò, per­me­s­so di ridurre il quan­ti­ta­ti­vo dei rifiu­ti soli­di urbani o ingom­bran­ti, che è sce­so del 10,5% rispet­to all’anno prece­dente. «Dob­bi­amo aggiun­gere – inter­viene il pres­i­dente Cristi­ni – che è sta­to amplia­to il servizio di spaz­za­men­to stradale e questo ha fino­ra deter­mi­na­to un con­cre­to aumen­to del resid­uo da smaltire, fino a toc­care la pun­ta del 24% di aspirato».

Parole chiave: