Lo statuto è stato approvato nell’ultimo consiglio, capitale 50 mila euro, Gestirà tributi, manifestazioni fieristiche, parchi e arredo urbano

Il comune lancia la società di servizi

27/12/2005 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

È sta­to approva­to nel cor­so dell’ultima riu­nione del Con­siglio comu­nale la cos­ti­tuzione del­la «Lona­to Servizi Srl», una soci­età di servizi comu­nale in gra­do di rispon­dere alle più svari­ate esi­gen­ze di carat­tere orga­niz­za­ti­vo. La soci­età, con cap­i­tale sociale di 50 mila euro, sarà oper­a­ti­va dai pri­mi mesi del 2006. «È una rispos­ta — spie­ga fiducioso il vicesin­da­co — Anto­nio Rosci­oli — sia in fun­zione delle spinte alla ester­nal­iz­zazione orga­niz­za­ti­va dei servizi derivan­ti da leg­gi statali, sia di van­tag­gi di tipo fis­cale come il recu­pero dell’Iva sug­li acquisti che per molte attiv­ità gestite dal Comune, non è prat­i­ca­bile. Un esem­pio per tut­ti, il riscal­da­men­to degli edi­fi­ci pub­bli­ci…». Il Con­siglio comu­nale sarà comunque chiam­a­to di vol­ta in vol­ta a delib­er­are sui con­trat­ti di servizio rel­a­tivi ai set­tori di attiv­ità che saran­no pro­posti per l’esternalizzazione. Var­ie­ga­ta la ges­tione dei servizi di pub­bli­ca util­ità sui quali potrà oper­are la soci­età, anche attra­ver­so la modal­ità orga­niz­za­ti­va del Glob­al Ser­vice: servizio idri­co inte­gra­to, forestazione e ges­tione dei parchi, impianti sportivi, ges­tione, accer­ta­men­to, liq­uidazione e riscos­sione di trib­u­ti locali, trasporto urbano, parcheg­gi e molto altro anco­ra. Nel­lo statu­to si par­la anche del­la ges­tione inte­grale degli arre­di urbani, com­pre­sa la seg­nalet­i­ca stradale, la ges­tione di mostre e rasseg­ne fieris­tiche, di attiv­ità con­nesse all’igiene ambi­en­tale, come lo spaz­za­men­to e la pulizia di strade e piazze. «Allo scopo di man­tenere un effi­cace con­trol­lo sull’attività del­la soci­età — con­tin­ua il vicesin­da­co Rosci­oli -, lo statu­to stes­so prevede inoltre che l’organo ammin­is­tra­ti­vo pos­sa com­piere esclu­si­va­mente oper­azioni di ges­tione ordi­nar­ia, man­te­nen­do in capo all’assemblea il com­pi­to di delib­er­are sulle oper­azioni di carat­tere stra­or­di­nario. Nell’atto di nom­i­na dell’organo ammin­is­tra­ti­vo si intende inoltre imporre un ulte­ri­ore lim­ite di impor­to delle oper­azioni autono­ma­mente gestite dal Con­siglio di ammin­is­trazione. Queste cautele han­no lo scopo di con­sen­tire al Comune un con­trol­lo su Lona­to Servizi Srl in tut­to e per tut­to parag­o­nabile al con­trol­lo che può essere eserci­ta­to sug­li organi comu­nali, con­forme­mente a quan­to recen­te­mente sta­bil­i­to dal­la Corte di gius­tizia dell’Unione Euro­pea…». Una scelta in defin­i­ti­va det­ta­ta dal doppio obbi­et­ti­vo di ottimiz­zare i costi e rag­giun­gere in tem­pi rapi­di la mas­si­ma qual­ità pos­si­bile del servizio. Ques­ta dunque sarà una delle novità che la Giun­ta di cen­trode­stra in car­i­ca da cir­ca 9 mesi intende attuare nel 2006.