I laghi italiani «fanno squadra».
E la Comunità entra da titolare

Il coordinamento «Living Lakes». Frau in missione in Umbria

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(s.j.)

Trasfer­ta umbra per il pres­i­dente del­la Aventi­no Frau. Nel­la sede dell’amministrazione provin­ciale di Peru­gia il rap­p­re­sen­tante dell’ente inter­re­gionale con sede a Gar­done Riv­iera ha incon­tra­to i col­leghi degli altri laghi ital­iani per ricreare sulle basi del già cos­ti­tu­ito Coor­di­na­men­to Laghi, una rete nazionale uni­taria e omo­ge­nea, in gra­do di catal­iz­zare l’interesse e l’impegno dei gov­erni region­ali, nazion­ali, dell’Unione Euro­pea e di tutte le isti­tuzioni con­ti­nen­tali e mon­di­ali rispet­to alle impor­tan­ti prob­lem­atiche che inter­es­sano i laghi.Per perseguire questo fine la Comu­nità del Gar­da ha ader­i­to alla rete nazionale Liv­ing Lakes, isti­tui­ta nell’ambito del Glob­al Nature Fund, nato per tute­lare e val­oriz­zare i laghi di tut­to il mon­do. «Con la sot­to­scrizione, da parte dei ref­er­en­ti dei prin­ci­pali laghi ital­iani, del pro­to­col­lo d’intesa che san­cisce la cos­ti­tuzione del­la rete ital­iana di Liv­ing Lakes, un altro impor­tante pas­so è sta­to com­pi­u­to nel­la direzione di una nec­es­saria attiv­ità di tutela del pat­ri­mo­nio lacuale, indis­pens­abile ed irri­n­un­cia­bile ris­er­va di acqua dolce del nos­tro piane­ta», affer­ma il pres­i­dente Frau.L’adesione del­la Comu­nità del Gar­da al prog­et­to Liv­ing Lakes fa segui­to alla cos­ti­tuzione, nel 1997, del Coor­di­na­men­to dei laghi ital­iani, di cui era sta­ta pro­motrice, insieme al Comune di Cas­tiglione al Lago, sul lago Trasi­meno, pro­prio la Comu­nità. Coor­di­na­men­to che nasce­va dal­la esi­gen­za di affrontare, con spir­i­to uni­tario, i mag­giori prob­le­mi dei baci­ni lacuali ital­iani. Anche per rial­lac­cia­re le fila di un dis­cor­so inter­rot­to, il 15 e 16 giug­no, a Passig­nano sul Trasi­meno, si ter­rà il con­veg­no inter­nazionale Liv­ing Lakes su «Sport e Natu­ra»: occa­sione per Aventi­no Frau di illus­trare l’esperienza del Gar­da.

Parole chiave: