Cambia il quadro degli interventi pubblici: confermata la riqualificazione del lungolago e delle scuole medie

Il nuovo porto non si farà. Costa e rovina l’ambiente

16/09/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

La giun­ta munic­i­pale «can­cel­la» dalle mappe di Gar­da l’inserimento del nuo­vo por­to tur­is­ti­co, con buona pace dei tan­ti oppos­i­tori al prog­et­to che ave­vano annun­ci­a­to anche nell’affollata e infuo­ca­ta assem­blea pub­bli­ca del 7 agos­to, che «tale opera avrebbe cam­bi­a­to le car­to­line del paese, con una feri­ta non rimar­gin­abile al pae­sag­gio gardesano».Il «project financ­ing» (finanzi­a­men­to di prog­et­to) di 10 mil­ioni e mez­zo di euro per la real­iz­zazione del nuo­vo por­to, è sta­to così stral­ci­a­to dal pro­gram­ma dei lavori pub­bli­ci che era sta­to adot­ta­to dal Con­siglio comu­nale nel dicem­bre 2007. Lo ha delib­er­a­to la giun­ta, moti­van­do così la deci­sione: «Rite­ni­amo oppor­tuno stral­cia­re tale prog­et­to in quan­to insosteni­bile per impat­to ambi­en­tale e per gli ele­vati costi di real­iz­zazione, che non con­sen­tireb­bero un rien­tro eco­nom­i­co adegua­to all’investimento».Ora la delib­era è espos­ta in Comune e recita: «Al fine del­la pub­blic­ità e trasparen­za ammin­is­tra­ti­va, pri­ma dell’approvazione, gli sche­mi sono aff­is­si per 60 giorni con­sec­u­tivi nel­la sede comu­nale. Il respon­s­abile dell’ufficio servizi, poi provved­erà come da pro­pria com­pe­ten­za, ad adottare appos­i­to provved­i­men­to di vari­azione di bilancio».La giun­ta, oltre al por­to, con la delib­er­azione, ha anche stral­ci­a­to dal piano delle opere pub­bliche per il 2008, la manuten­zione stra­or­di­nar­ia del munici­pio e delle case popo­lari di via San Francesco, sos­tituen­dole con opere di ripavi­men­tazione di alcune vie del cen­tro stori­co di Gar­da. Così dai 200 mila euro pre­visti per la pri­ma opera, l’importo per quest’ultima è sta­to ridot­to a 120 mila euro, con una riduzione di spe­sa di 80 mila.La giun­ta inoltre, ha delib­er­a­to anche una riduzione di spe­sa per la riqual­i­fi­cazione e sis­temazione di tut­ti i parchi pub­bli­ci (da 200 mila pre­visti a 150 mila). Le moti­vazioni delle vari­azioni: «L’amministrazione comu­nale ritiene oppor­tuno sos­ti­tuire la manuten­zione di munici­pio e case popo­lari con alcune vie del cen­tro. Pri­or­ità, deter­mi­na­ta dal fat­to che piaz­za del­la Lib­ertà e vico­lo del Pio, oltre a qualche altra via che sarà inseri­ta nel prog­et­to defin­i­ti­vo, pre­sen­tano una pavi­men­tazione in cubet­ti di por­fi­do ormai ammalo­rata, sia per vec­chi­a­ia che per i moltepli­ci lavori ese­gui­ti per la posa di sot­toservizi. Le strade si pre­sen­tano quin­di scon­nesse e sono peri­colose per l’incolumità pub­bli­ca, per inci­ampo e cadu­ta di passanti».È cam­bi­a­to così il quadro eco­nom­i­co di inves­ti­men­to. Per l’anno 2008, oltre a queste vari­azioni, riman­gono con­fer­mate le opere pre­viste: 200 mila euro per la manuten­zione stra­or­di­nar­ia delle scuole ele­men­tari e medie; altri 200 mila per riqual­i­fi­cazione del lun­go­la­go dall’Hotel Vit­to­ria al pon­tile ; 150 mila per la riqual­i­fi­cazione del cor­tile sul fian­co delle case popo­lari di via San Francesco, con for­ni­tu­ra e posa di con­teni­tori inter­rati per la rac­col­ta dei rifiu­ti soli­di urbani. Il totale di spe­sa per per opere di quest’anno, che ormai si avvia a finire: 940 mila euro.

Parole chiave: