In giuria 1500 studenti

Il premio Valtenesi a «Filo da torcere»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Saba­to scor­so nel­la stu­pen­da cor­nice nat­u­rale dell’anfiteatro di Bal­biana a Maner­ba, si è tenu­ta la pre­mi­azione del «Pre­mio Valte­n­e­si nar­ra­ti­va per ragazzi», inizia­ti­va di pro­mozione alla let­tura orga­niz­za­ta dal sis­tema bib­liote­cario del­la Valte­n­e­si, con il patrocinio del­la Provin­cia di Bres­cia. La dici­as­settes­i­ma edi­zione del con­cor­so ha coin­volto 1500 stu­den­ti delle medie cui sono state pro­poste novità librarie di scrit­tori ital­iani. I ragazzi sono sta­ti giu­di­ci del­la man­i­fes­tazione, con­seg­nan­do alla fine qua­si 1500 schede di val­u­tazione che han­no dec­re­ta­to la clas­si­fi­ca dei lib­ri, come autori si sono cimen­tati nel­la stesura di elab­o­rati (350), giu­di­cati da una apposi­ta com­mis­sione. Era­no pre­sen­ti cir­ca 300 ragazzi delle medie del­la Valte­n­e­si, del bas­so e alto Gar­da, del­la Valsab­bia, inseg­nan­ti, ammin­is­tra­tori, bib­liote­cari, autori. Il pri­mo pos­to se l’è aggiu­di­ca­to il libro «Filo da torcere» di Margheri­ta D’Amico: bel­lo il rap­por­to di com­plic­ità tra la 13enne Zara e la sua cav­al­la «lo da torcere». La gio­vane scrit­trice non ha potu­to pre­sen­ziare alla cer­i­mo­nia per impeg­ni. Il pre­mio è sta­to riti­ra­to da una rap­p­re­sen­tante del­la Mon­dadori. Il sec­on­do pos­to al libro «Il fan­tas­ma» (Fab­bri edi­tori) di Andrea Cot­ti: gradi­men­to lega­to soprat­tut­to al rit­mo incalzante dell’avventura nar­ra­ta, che vede pro­tag­o­nisti tre ragazzi 13enni all’inseguimento di un fan­tas­ma tra i cuni­coli di una fogna. Al ter­zo pos­to il libro «Mon­luè» di Car­la Maria Rus­so: espe­rien­za di un grup­po di ragazz­i­ni nel­la casci­na Mon­luè, ici­no a . Nove ragazzi sono sta­ti pre­miati per i migliori elab­o­rati sui lib­ri let­ti: Dami­ano D’Aietti, Cristi­na Mario, Ser­e­na Ori­oli, Fed­eri­co Mar­chiori, Nico­la Gal­vani, Anna Lau­ra Saladini,Alice Bac­co­lo, Gia­da Gof­fi e Fed­er­i­ca Sigala. Un riconosci­men­to spe­ciale è sta­to con­fer­i­to alla classe pri­ma G del­la media «28 Mag­gio 1974» di San Felice, che si è dis­tin­ta per la qual­ità del­la partecipazione.

Parole chiave: