«Questi i nostri risultati» Allegri cerca la conferma

Il sindaco uscente a capo di una lista trasversale

Di Luca Delpozzo
e.dug.

L’ingegnere Gian­car­lo Alle­gri, sin­da­co di Padenghe sul Gar­da, si rican­di­da alle prossime elezioni ammin­is­tra­tive. Alle­gri, nato a Padenghe sul Gar­da nel 1958, diri­gente d’azienda si pre­sen­terà alle prossime con­sul­tazioni elet­torali, avval­en­dosi in buona parte del grup­po di con­siglieri uscen­ti che lo ha affi­an­ca­to per questi cinque anni, dal 1999 al 2004. Con l’imperativo cat­e­gori­co: «Squadra che vince non si cam­bia». Alle­gri è sor­ret­to da una lista civi­ca trasver­sale, sen­za preclu­sioni di apparte­nen­ze politiche. L’unico inter­esse che si chiede a tut­ti i mem­bri del­la lista, dice Alle­gri, è quel­lo di con­di­videre un inter­esse «Padenghe». «Abbi­amo pro­fu­so — rimar­ca Alle­gri — in questi cinque anni di ammin­is­trazione ocu­la­ta, con tan­ta forza e con­vinci­men­to le nos­tre idee, por­tan­dole a com­pi­men­to. Siamo con­vin­ti di avere lavo­ra­to al meglio per il bene del­la nos­tra comu­nità, e di esser­ci rius­ci­ti. Da queste val­u­tazioni pos­i­tive è nata la deci­sione di ripresentar­ci. Se sare­mo votati — rib­adisce Alle­gri — e ricon­fer­mati, la nos­tra stra­da maes­tra sarà quel­la di pros­eguire sul­la via intrapre­sa cinque anni fa, con mag­giore espe­rien­za e pro­fes­sion­al­ità. Oltre ad avere real­iz­za­to, la scuo­la mater­na, il nuo­vo cen­tro cul­tur­ale nel­la ex sede del­la scuo­la mater­na, il com­ple­ta­men­to del polo sporti­vo con palestra e mag­a­zz­i­no comu­nale, com­ple­ta­men­to del­la pri­maria con bretelle e rotazione. In col­lab­o­razione con la casa di riposo, invece, l’avvio del­la nuo­va casa di riposo defini­ta «cit­tadel­la per la terza età»; sono le real­iz­zazioni più impor­tan­ti. In futuro le atten­zioni mag­giori saran­no riv­olte alle per­sone in ter­mi­ni di servizi e di qual­ità del­la vita. Per tutte queste moti­vazioni l’ingegnere Alle­gri, attuale sin­da­co di Padenghe è con­vin­to di rap­p­re­sentare deg­na­mente anco­ra una vol­ta se sarà rielet­to con il pro­prio grup­po, la sua comunità.