Nuove lucicon i lampioniantispreco

Illuminazione rifatta tra due anni

27/07/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
B.B.

Luci nuove per tut­to il paese. La giun­ta ha adot­ta­to un atto di ind­i­riz­zo per pre­dis­porre i doc­u­men­ti nec­es­sari a redi­gere un ban­do per asseg­nare a una dit­ta ester­na il rifaci­men­to com­ple­to e la ges­tione, per cir­ca un decen­nio, del­la rete di illu­mi­nazione pub­bli­ca. L’amministrazione garan­tisce che sarà a nor­ma, «anti­spre­co» e che lascerà quin­di anche qualche euro in più nelle tasche dei cit­ta­di­ni. Il tut­to con un occhio di riguar­do per l’ambiente, visti i recen­ti chiari di luna ener­geti­ci, quan­to preve­dono i cri­teri del pro­to­col­lo di Kyoto e la recente nor­ma­ti­va «Cieli puliti».«Abbiamo incar­i­ca­to l’ufficio tec­ni­co di affi­dare a un pro­fes­sion­ista l’incarico di pre­dis­porre il capi­to­la­to e i doc­u­men­ti nec­es­sari», fa sapere l’assessore al pat­ri­mo­nio Fabio Bel­trame. “Il nos­tro ter­ri­to­rio è molto vas­to e sud­di­vi­so in tan­tis­sime frazioni, anche decen­trate, dove la rete d’illuminazione pub­bli­ca è scarsa e obso­le­ta non essendo sta­ta per decen­ni ogget­to di inter­ven­ti di manutenzione».Lo sta­to di degra­do è sot­to gli occhi di tut­ti e com­por­ta sprechi notevoli: «Gli impianti vec­chi con­sumano infat­ti mol­ta più ener­gia del nec­es­sario e tal­vol­ta restano in fun­zione anche in orario diurne». Ma c’è un ma: «Il nos­tro bilan­cio non ci per­me­tte di rifare total­mente la rete in tem­pi veloci, dovrem­mo pro­cedere per stral­ci», pre­cisa Bel­trame. «Per questo abbi­amo avvi­a­to le pro­ce­dure per affi­dare tramite ban­do a un’azienda ester­na la ristrut­turazione com­p­lessi­va del servizio». «L’intervento porterà un evi­dente risparmio ai cit­ta­di­ni essendo l’illuminazione a cari­co di tut­ti. Poi la rete tornerà del Comune sen­za lam­pi­oni obso­leti e spre­coni». Se le cose andran­no al meglio il tut­to potrebbe essere oper­a­ti­vo entro due anni.